Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Città di Castello, nuovo vescovo Paolucci Bedini arriva a piedi da Gubbio

Cresce l'attesa a Città di Castello per l'ingresso del vescovo Luciano Paolucci Bedini

  • a
  • a
  • a

Ultimi sopralluoghi, qualche verifica e i classici controlli conclusi, per evitare intoppi lungo il percorso e sul programma. Cresce l'attesa per l’ingresso a Città di Castello del nuovo vescovo, monsignor Luciano Paolucci Bedini, che avverrà sabato 18. 
Come aveva dichiarato, il presule mercoledì 15 giugno si metterà in cammino perché ha deciso di arrivare da Gubbio percorrendo a piedi alcuni tratti della Via di Francesco. Il programma dettagliato, predisposto in collaborazione con l’associazione Le Rose di Gerico (per tutte le info contattare il cell. 3711886742) prevede tre tappe. La partenza è fissata per alle 8 di oggi, 15 giugno, da Gubbio, verso San Benedetto Vecchio, dove è previsto il pranzo e poi la sosta a Pietralunga. Domani, partenza sempre alle 8 da Pietralunga verso Pieve de' Saddi, per il pranzo. Nel pomeriggio l'arrivo a Candeggio.

 

 

Infine venerdì partenza sempre alle 8 da Candeggio destinazione il Sasso. Qui, alle 14.30, tutti coloro che vogliono possono trovarsi in questa zona: il vescovo sarà accolto e accompagnato fino al convento degli Zoccolanti, alle porte di Città di Castello, celebrerà messa alle 18.

 

 

Intanto una carriera lunga 15 anni che si chiude con l'ordinazione di un nuovo prete. Monsignor Domenico Cancian, infatti, ha consacrato sacerdote don Filippo Chiarioni.  ''È stato un segno della grazia di Dio – ha ricordato il presule che si appresta a passare il pastorale – che si è degnato di accompagnare i miei 15 anni di episcopato a Città di Castello. È un segno della grazia di Dio che mi ha accompagnato per 50 di ministero presbiterale – ha aggiunto – ricordando che il 18 luglio celebrerà il giubileo sacerdotale''.