Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Narni, il nuovo sindaco Lorenzo Lucarelli: "Premiato buon governo della passata amministrazione"

Chiara Rossi
  • a
  • a
  • a

Con 5.409 voti, pari al 64,79%, l'assessore uscente Lorenzo Lucarelli è il nuovo sindaco di Narni, in provincia di Terni.

Una netta vittoria al primo turno, quella dell'esponente del centrosinistra, che ha staccato nettamente gli altri candidati Cecilia Cari (centrodestra, 30,57%), Roberto Pei (appoggiato da Rifondazione comunista, 2,86%) e Maurizio Bufi (Azione, 1,78%).

 

"Sono molto felice e soddisfatto – ha affermato Lucarelli – perché devo ammettere che anche se c’era il sentore della vittoria, finché non sono arrivati i dati che hanno confermato le impressioni, non ho voluto pronunciarmi in alcun modo. Il dato dell’affluenza ieri ci aveva un po' allarmato, dovevamo capire chi aveva scelto di non andare alle urne. E come avevamo percepito, però c’è stata una straordinaria mobilitazione del popolo di centrosinistra che ha confermato il nostro sentiment, dandoci come sempre prova di coerenza e sostegno. Narni ha dimostrato di essere un valido laboratorio politico, con un’alleanza che ha funzionato bene. Ora posso dire che questo grande risultato deriva dal buon governo della passata amministrazione ma con orgoglio voglio affermare che senza dubbio ho messo nella vittoria anche del mio”.

 

“Ci sono – ha detto ancora Lucarelli – tanti investimenti da fare, tanti progetti, tanti soldi da spendere per la città di Narni. Da domani ci metteremo subito al lavoro, senza perdere tempo, perché le cose da fare sono davvero tante e vogliamo iniziare subito”.

Per quanto riguarda la giunta da formare, Lucarelli ha affermato che si prenderà tutto il tempo necessario per metterla in piedi. 
“Dovremo vedere un po' di cose – ha affermato – per ora non posso dire nulla. Vedremo anche come andranno i risultati di tutte le votazioni, le preferenze, poi ci muoveremo di conseguenza, scegliendo comunque amministratori capaci, in linea con il nostro programma ed i progetti da mettere a terra, che, ripeto, sono davvero tanti. Da domani si inizierà a valutare il percorso che porterà alla formazione della giunta, ma come ho detto, senza dubbio un po' di tempo ci vorrà”.