Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Castiglione del Lago, Capecchi: corte d'appello blocca rientro in Italia

Gabriele Burini
  • a
  • a
  • a

Si complica il rientro in Italia di Riccardo Capecchi, il fotografo di Castiglione del Lago bloccato in Perù da più di tre anni. Se, infatti, i primi giorni di maggio era stato dato l’ok per tornare nello stivale per venti giorni - erano da stabilire le date del viaggio - adesso la trafila si è complicata. “La corte d'appello ha ordinato il riesame - racconta Riccardo al Corriere dell’Umbria - Quindi dobbiamo aspettare che a un altro tribunale venga assegnata la mia richiesta, venga fissata una data e infine aspettare la delibera. Non credo però che ciò avverrà in un breve periodo”.

 

 

Tutto da rifare quindi per il professionista lacustre, la cui vicenda sta tenendo banco da maggio 2019. Riccardo, infatti, è accusato di essere complice di una banda dedita al traffico internazionale di stupefacenti. Era stato arrestato con il pretesto di una testimonianza che non è mai avvenuta, precisamente una settimana dopo il blitz eseguito dalla squadra antidroga di Lima che ha colto in flagranza di reato coloro che lo avevano contattato per un servizio fotografico relativo a viaggi vacanza in fuoristrada e uno di questi risultava essere a suo nome. Ma Riccardo, al momento del fatto, si trovava dall’altra parte della metropoli. Nessuno l’ha mai visto sulla scena del crimine, non ci sono intercettazioni telefoniche che potrebbero incriminarlo, gli esami tossicologici per consumo e da contatto sono risultati essere tutti negativi e il veicolo a suo nome è risultato negativo a tutte le analisi: ciò nonostante, le autorità hanno ritenuto necessario trattenerlo con nove mesi di prigione preventiva nel carcere di massima sicurezza di Lima semplicemente per il fatto di essere intestatario di uno dei fuoristrada.

 

 

I primi giorni di maggio la speranza per il fotografo di poter finalmente rientrare in Italia, dopo l’inizio del processo, mentre adesso, quindi, c’è un nuovo intoppo all’interno di una vicenda che sembra essere sempre più lontana da una soluzione.