Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, in arrivo 74.747 avvisi Tari. Per pagare c'è tempo sino al 30 giugno

  • a
  • a
  • a

Sono in arrivo 74.747 avvisi per il pagamento della Tari. Altri 9.144 sono stati recapitati per pec e mail agli utenti che hanno aderito al servizio gratuito proposto da Gesenu per semplificare il recapito delle bollette. Contestualmente s’inaspriscono i controlli contro la morosità, nell’ottica pagare tutti per pagare meno e avere un servizio migliore. Gesenu nelle ultime settimane ha intensificato solleciti telefonici e sopralluoghi presso le utenze risultate morose. L’obiettivo è quello di convincere - porta a porta - i cittadini a pagare, magari anche rateizzando, prima di inviare tutto alla riscossione coattiva. 

 

 

 

La bolletta in arrivo, invece, sarà più leggera per il 60% degli utenti e allo stesso tempo le agevolazioni legate al Covid permettono di mantenere le tariffe delle utenze non domestiche su livelli pressoché simili a quelli del 2021.
L’amministrazione comunale ha confermato, inoltre, le agevolazioni per le utenze domestiche riferite ai contribuenti sulla base delle fasce Isee previste dal vigente regolamento (esenzione per Isee fino a 6mila euro, riduzione del 50% per Isee compresi fra 6.001 e 7.500 euro e riduzione del 30% per Isee da 7.501 a 9mila euro). Previste anche riduzioni per il disagio ambientale per le utenze che si trovano nei perimetri degli impianti di smaltimento di Ponte Rio, Pietramelina e Borgo Giglione, rispettivamente nella misura del 50% (Ponte Rio) e 35% (Pietramelina e Borgo Giglione) per le utenze domestiche in fascia rossa, e del 30% (Ponte Rio) e 15% (Pietramelina e Borgogiglione) per le utenze non domestiche in fascia arancione. 

 

 

 

 

 

 

Quattro le scadenze di pagamento: alla prima rata del 30 giugno segue quella del 31 agosto, quindi 31 ottobre e, infine, 2 dicembre. Resta consentita la facoltà di pagare l’importo della tassa in un’unica soluzione entro il 16 giugno 2022 oppure entro il termine previsto per il pagamento della prima rata. Opzione, però, che in pochi sembrano prediligere.