Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, per la cascata delle Marmore un week end lungo con 17 mila turisti

  • a
  • a
  • a

A Terni sono stati 17 mila gli ingressi totali registrati alla cascata delle Marmore nel lungo week end del 2 giugno. Tanti i turisti che hanno scelto l'Umbria e in particolare il sito naturalistico per trascorrere qualche giorno di vacanze e per scoprire una bellezza della natura che lascia senza fiato. Il 2 giugno sono stati 5.400 i visitatori, il giorno successivo, il 3, il numero è stato di 3.880, il 4 invece 4.250 e infine 3.470 quelli registrati domenica 5.

“Numeri importanti che confermano - spiega l'assessore comunale al Turismo, Elena Proietti - un ottimo trend sia a livello nazionale che locale. Adesso partiremo anche con la promozione della cascata delle Marmore alla stazione Termini e alla metropolitana di Roma: come target ci concentriamo lì”. La cascata delle Marmore resta sempre un importante punto di attrazione turistica e anche le promozioni aiutano a far conoscere, ancora di più, il sito. Ora si aspetta la chiusura delle scuole con la speranza di un aumento di turisti. Inoltre si attendono anche gli stranieri che si sono iniziati a rivedere dopo i due anni di stop dovuto all'emergenza sanitaria. I flussi turistici non sono mancati in questo lungo fine settimana anche al belvedere superiore (ovvero il parco dei Campacci) tanto che alcuni operatori commerciali sono rimasti soddisfatti degli incassi registrati, ovvero maggiori rispetto allo scorso anno. Va ricordato che già nei week end di Pasqua, 25 aprile, 30 aprile e primo maggio i turisti avevano promosso a pieni voti il sito naturalistico della cascata delle Marmore con lunghe file alle biglietterie.

Basti pensare che solo nel week end di Pasqua i biglietti staccati erano stati oltre 18 mila mentre nel fine settimana del 30 aprile e primo maggio erano stati 5.150 i biglietti staccati. La speranza è che i numeri possano salire ancora di più e che i turisti possano pensare di fermarsi qualche giorno per conoscere anche i borghi della Valnerina e la stessa città di Terni.