Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, turisti all'assalto dei piccoli borghi. Tornano anche gli americani

Sabrina Busiri Vici
  • a
  • a
  • a

“Nei borghi dell’Umbria è stato un inizio di stagione da tutto esaurito, davvero un gran pienone, si sono rivisti molti molti stranieri. In particolare sono tornati flussi di visitatori sia dal Nord Europa che dagli Stati Uniti. E quello che c’è di più significativo con presenze costanti anche durante la settimana e non solo nel weekend”. Il commento arriva da Fiorello Primi, presidente dei Borghi più belli d’Italia, dopo una call condotta con i rappresentanti dei piccoli centri umbri. “Questo sta a significare che l’attrattività di questi luoghi inizia a strutturarsi bene. Fare rete è importante e la nostra associazione fa da cassa di risonanza alle iniziative garantendo maggiore visibilità con dei risultati che stanno dando i risultati sperati”.

 

 

Dopo il lungo ponte del 2 giugno da Corciano ad Arrone, da Bevagna a Castiglione del lago, Lugnano in Teverina, Bettona, Allerona e così via è emerso un segnale importante “prenotazioni al completo - sottolinea Primi - sia negli agriturismi che in strutture di livello medio alto. Inoltre i proprietari di seconde case sono tornati a riaprirle dopo la lunga assenza dovuta alla pandemia”. E non solo: “Si registra - prosegue - l’apertura di nuove attività come piccoli ristoranti, negozi di prodotti tipici e bed & breakfast. Insomma tutte imprese a dimensione borgo”. A questa ripresa di visitatori nei centri minori si affianca anche un vero e proprio boom del turismo lento, ovvero di chi segue percorsi di trekking, i cammini nei boschi e lungo le rotte antiche, marce verso destinazioni insolite e strade fuori dal consueto.

 

 

Funzionano pure le sperimentazioni, chi propone esperienze insolite come l’agricampeggio di Massa Martana. “Una realtà nuova molto richiesta - evidenzia Primi -. Si tratta di un campeggio che durante il soggiorno propone attività legate all’ambiente e al mondo agricolo”. E ancora, “A Monteleone di Spoleto emerge un grande afflusso di presenze legate al bike turismo e ai cammini di San Benedetto. Mentre a Montecastello di Vibio si registra un incremento delle compravendite di immobili da destinare a strutture ricettive. Tutto si sta muovendo”. E poi c’è una ripartenza in massa dell’organizzazione della stagione degli eventi in collaborazione con le pro loco. E tra le realtà aderenti ai Borghi più belli d’Italia sono tutti già al lavoro sulla nuova edizione de La notte romantica dei borghi che si terrà il 25 giugno, una serata a lume di candela da trascorrere in un centro storico per ammirare il patrimonio culturale ma anche il paesaggio e assaggiare tipicità.