Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, alla maturità 7.496 studenti: si comincia il 22 giugno

Catia Turrioni
  • a
  • a
  • a

E' un esercito di 7.496 studenti quello che si prepara ad affrontare l'esame di maturità in Umbria. I candidati delle scuole statali, secondo i numeri diffusi dal Miur, sono 7.244, a questi si aggiungono 150 esterni e 102 delle scuole paritarie. Dopo le versioni light a causa del Covid, si ritorna alle due prove scritte più l’orale.

 

 

Il compito di italiano è previsto per il 22 giugno alle 8,30, il giorno seguente c’è la seconda prova che cambia in base all’indirizzo della scuola. Infine, c’è il colloquio orale: si parte una settimana dopo il secondo scritto e l’ordine con cui verranno chiamati gli studenti dipenderà dalla lettera dell’alfabeto che verrà estratte in ogni scuola. In base alle regole anti-Covid dovrebbero essere ascoltati cinque candidati al giorno. Lo scorso anno l’Umbria è stata la seconda regione in Italia per numero di studenti più bravi, 337 si sono diplomati con la lode. 
Per il terzo anno consecutivo, il pool che esaminerà i candidati sarà composto dagli stessi professori interni che hanno seguito i ragazzi nel corso dell’ultimo anno. A garantire uniformità di valutazione sarà un presidente esterno. Sono online, sul sito del ministero dell’Istruzione, i nomi dei docenti che faranno i presidenti di commissione: clicca qui per leggere chi sono. L’Umbria rientra tra le dieci regioni italiane in cui si sono registrate le maggiori difficoltà a reperire i presidenti necessari tanto da dover fare ricorso anche a personale in pensione. Tra i problemi, a quanto pare, ci sarebbero quelli legati ai compensi previsti, giudicati piuttosto scarni, che risalgono a 15 anni fa. Ai prof spetta un compenso lordo di 570 euro, ai presidenti spettano 1.420 euro lordi. Le commissioni d’esame si insediano il 20 giugno alle 8,30. 

 

 

 

 

Sempre a proposito di regole anti-Covid, nonostante il dibattito che si è acceso, resteranno obbligatorie le mascherine. Il ministero dell’Istruzione, infatti, è rimasto fermo sulla sua decisione, nonostante le sollecitazioni a esonerare gli studenti almeno durante gli esami, perché - è stato spiegato - non ci sarebbero stati i tempi tecnici per intervenire e modificare la legge. 
Esame con la mascherina anche per 7.992 ragazzi delle scuole medie dell’Umbria. Test che si svolgerà nel periodo compreso tra la fine delle lezioni e il 30 giugno e che sarà solo leggermente diverso sia da quella tradizionale: quest’anno sono stati reintrodotte le due prove scritte, una di italiano e una relativa alle competenze logico-matematiche. A queste seguirà un colloquio nel corso del quale saranno accertate anche le competenze relative alla lingua inglese, alla seconda lingua comunitaria e all’insegnamento dell’educazione civica. Tutte le prove si svolgeranno in presenza anche se è prevista la possibilità che il colloquio possa svolgersi a distanza.