Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, due donne molestate da baby gang di ragazzine nel minimetrò: scattano le denunce

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Due donne molestate dentro la navetta del minimetrò da una baby gang tutta al femminile. Insulti a sfondo sessuale e prese in giro per tutto il viaggio.
Le presunte autrici sono quattro minorenni tutte tra i 14 e i 15 anni subito identificate dalla polizia locale. 
Le due vittime, due donne di mezza età, hanno sporto denuncia.
La notizia risale alla scorsa settimana ed è stata confermata dal comando della municipale di Perugia. 
La segnalazione è stata fatta inizialmente alla società Minimetrò che a sua volta ha allertato gli agenti della centrale operativa di Madonna Alta. 
Sono subito scattate le indagini e le minori sono state identificate dai poliziotti anche grazie alle telecamere interne alla metropolitana di superficie che collega Pian di Massiano al Pincetto. 
La presenza di baby gang al minimetrò non è una novità. Nei giorni scorsi un giovane studenti è stato aggredito dal branco proprio alla fermata del Pincetto. Lì tra la fermata del metrò e la pensilina dell’autobus di via XIV Settembre si riuniscono gruppi di minori che sono già stati all’attenzione delle forze dell’ordine. 


La polizia locale ha denunciato il mese scorso gli autori di danneggiamenti proprio al minimetrò e all'ascensore inclinato che collega la via alle scale mobili che conducono in via Oberdan. 
Ma la presenza di baby gang che commento reati vari, dagli atti vandalici ai furti, è segnalata su tutto il territorio comunale. 
Per non parlare dei due video - più recenti - postati sui social con l’aggressione da parte di una baby gang sempre al femminile contro una ragazza per cui è scattata l’indagine del Tribunale dei minori. 


Sempre il mese scorso in un centro commerciale di Ellera di Corciano sono stati identificati dai carabinieri 30 minorenni nell'ambito di un'indagine per lesioni e rapina. Un adolescente sarebbe stato picchiato e rapinato del portafogli all’interno dei garage della sruttura corcianese. Anche qui c’erano le videocamere a filmare tutto.