Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, Ater investe 300 milioni in tre anni sulle case popolari anche grazie al superbonus

Esplora:
L'assessore Melasecche

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Nel prossimo triennio Ater investirà nell’edilizia residenziale umbra risorse per 300 milioni di euro. E’ quanto annunciato dalla governatrice Donatella Tesei nell’ultimo consiglio regionale. Proprio Ater è uno dei tre pilastri dei fondi complessivi in arrivo nel cuore verde, insieme ai 4 miliardi del Gruppo Fs per le infrastrutture e gli 1,6 mld attesi dal Pnrr. I 300 milioni dell’Agenzia territoriale di edilizia residenziale della Regione sono la quota più esigua fra le tre ma non secondaria in quanto si tratta di soldi che andranno ad arricchire il patrimonio di edilizia popolare della regione. Le fonti di finanziamento di Ater sono più di una.

Tra queste c’è il progetto di partenariato pubblico privato per “l’effettuazione di interventi di miglioramento sismico, di efficientamento energetico e servizi manutentivi e di monitoraggio di immobili facenti parte del patrimonio Ater” attraverso l’utilizzo dei fondi del Superbonus 110. Sono stati fatti otto bandi per altrettanti lotti in giro per il cuore verde. Non finisce qui. Altro attrattore di soldi è il fondo complementare del Pnrr. Dentro c’è la previsione di costruzione di 200 alloggi in tutta l’Umbria, con la ristrutturazione di immobili simbolo vedi il palazzo ex Ottagono di Fontivegge immobile in disuso dal 2020, costruito con i fondi del Giubileo e per anni oggetto di occupazioni abusive. A Terni la palazzina ex Milizia, che doveva diventare sede del centro staminali: sarà uno spazio per far soggiornare i parenti e i pazienti oncologici che si operano al Santa Maria di Terni. Intanto mercoledì la giunta regionale ha approvato il Programma integrato previsto dalla delibera Cipe del 2017 da .3.200.379,50 euro, per i comuni di Perugia e Terni. A realizzarlo la stessa Ater che cofinanzierà parte dei lavori. L’intervento nel Comune di Terni prevede il recupero di un edificio municipale, situato in via San Nicandro. L’immobile, attualmente in stato di abbandono, potrà essere ammesso a beneficiare di finanziamento al fine del completamento del recupero edilizio.

Una iniziativa importante – ha sottolineato l’assessore all’edilizia popolare, Enrico Melasecche - che intende dare una risposta concreta alla urgente necessità di alloggi, con conseguente miglioramento della qualità della vita di 6 famiglie, coniugato con una operazione moderna di rigenerazione urbana, in piena linea con l’esigenza di sostenibilità ad impatto e consumo di suolo zero”. L’intervento nel Comune di Perugia, situato località Balanzano, è in posizione centrale e ben servita, con elevate finiture e standard realizzativi. Si tratta di un complesso di due edifici per un totale di 32 alloggi in fase di completamento. Si prevede l’acquisto da parte di Ater delle due palazzine, e del completamento della palazzina 1 per un totale di 16 alloggi, per la quale restano modeste lavorazioni di finitura, oltre la riqualificazione della zona esterna della lottizzazione che comprende in totale quattro edifici.