Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, la strada è piena buche: residente le tappa a spese proprie

Esplora:

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

La strada è costellata di buche e i cittadini si rimboccano le maniche chiudendole a spese proprie. Siamo in via del Torchio, a San Fortunato della collina. In particolare un imprenditore della zona si è fatto carico del catrame e dell’intervento di sistemazione di alcune buche - per meglio dire crateri - presenti da anni sull’asfalto. Per una di queste i residenti si erano già mobilitati inserendo dei pezzi di mattonelle dentro il vuoto di oltre 20 centimetri onde evitare che le auto in transito spaccassero - come è già successo in passato - le sospensioni. Altre buche sono state riempite con i sassi.
“Qui nella via dove abito - fa sapere Gianluca Leonardi, residente nella zona - per duecento metri di strada sono presenti buche molto profonde e pericolose. Servirebbe solo qualche busta di catrame. Un imprenditore si è speso personalmente tappandone due”. 


Palazzo dei Priori, dalla sua, ha annunciato interventi sulle arterie più critiche della città.
La previsione di lavori sulle strade comunali è di 5 milioni per quest’anno. È la prima volta - fa sapere l’esecutivo Romizi - che l’amministrazione, pur avendo confermato la prassi inaugurata nel precedente mandato di mettere a bilancio un significativo stanziamento annuale per il piano strade, prevede lavori per un simile ammontare. “Si tratta di risorse proprie che il Comune ha deciso di mettere in campo per poter attuare anche interventi profondi come la ricostituzione dei corpi stradali dei principali assi cittadini”, precisa l'assessore al ramo Otello Numerini.

Un impegno importante che però, visto lo stato di buona parte dell’asfalto del capoluogo, non potrà coprire tutte le criticità segnalate dai cittadini.
Nei mesi scorsi, proprio nei tratti più a rischio, sono state approvate ordinanze - sia a livello comunale ma anche provinciale - che fissano limiti di velocità nelle vie in cui l’asfalto è così rovinato da rendere pericolosa la circolazione.