Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, pirata della strada inseguito e fermato da ragazzini in bicicletta

Antonio Mosca
  • a
  • a
  • a

Auto a tutto gas urta una vettura in sosta e prosegue la sua corsa. Ma un gruppo di ragazzini in bici si accorge della scena, insegue il pirata della strada e avverte la polizia. E’ accaduto nel corso della serata di sabato 21 maggio in via Borsi, a Terni, vicino alla pasticceria D’Antonio. Luigi Briotti, che abita in un palazzo della zona, vede tutto dal suo terrazzo. “All’improvviso è arrivata l’auto che ha colpito una macchina parcheggiata. Si è sentito un gran botto e poi le voci dei ragazzini. Saranno stati otto, al massimo, tra i 12 e i 13 anni.

Con grande senso civico - racconta - non si sono persi d’animo. Hanno urlato al conducente di fermarsi, ma quello ha continuato lungo via Borsi e a quel punto si sono messi a pedalare di corsa per inseguirlo”. Poco prima dell’incrocio con via Buonarroti l’auto si è fermata. Al volante un immigrato rumeno che è sceso per cambiare la gomma che, a seguito del violento urto, si era bucata. I ragazzini gli si sono fatti intorno e uno di loro ha avvisato il 113.

Pochi minuti dopo la chiamata alla Questura, una pattuglia era già sul posto. Gli agenti hanno chiesto i documenti d’identità a lui e alla donna che era a bordo. L’uomo è stato identificato e sarà sottoposto all’alcol test. La sua posizione è ancora al vaglio della polizia per i provvedimenti del caso. Ma al di là del fatto in sè - riprende Luigi Briotti - “mi piace sottolineare il senso civico di questi ragazzini adolescenti che, invece di voltarsi da un’altra parte, hanno rincorso l’auto in fuga, rischiando in prima persona. E hanno subito avvisato la polizia facendo il loro dovere di cittadini. Un gesto che - conclude - lascia ben sperare per il futuro. Evidentemente in città, oltre alla baby gang, ci sono anche tanti ragazzi per bene. E sono la maggior parte”.