Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, personale ridotto all'osso alla Fabbrica d'armi. Il sindacato protesta

Antonio Mosca
  • a
  • a
  • a

La guerra in Ucraina ha portato a un aumento dell’attività all’ex Fabbrica d’armi (nella foto), ma la carenza di personale è sempre più grave. “In pianta organica - ricorda Guglielmo Bizzarri, segretario della Uil- Pa - sono previste 384 unità, ma a fine anno scenderanno a 180 con un deficit di oltre 200 addetti con un’età media di 59 anni. La situazione è insostenibile e se andrà avanti così siamo pronti a riconsegnare le chiavi dello stabilimento di viale Brin al ministero della Difesa in segno di protesta”. Il sindacalista pone l’accento sulla carenza di personale in uffici e reparti e sulla mancanza di figure professionali adeguate. E cita l’esempio dell’ultimo saldatore che sta per andare in pensione. “Non sappiamo ancora - prosegue Bizzarri - se è come sarà sostituito perché al Pmal purtroppo c’è un’oggettiva carenza di programmazione che si riverbera su tutti i reparti.

I problemi vengono affrontati facendo leva sulla buona volontà dei singoli. Abbiamo posto più volte la questione al ministero e anche ai rappresentanti delle altre istituzioni”. Un problema, quello del Pmal di viale Brin, che investe a cascata tutto il comparto del pubblico impiego nel Ternano.

“La macchina dei concorsi - spiega il sindacalista della Uil - non si è ancora rimessa in moto a dovere e di conseguenza i problemi di organico riguardano anche gli enti locali così come le amministrazioni dello Stato e l’Inps”. La vertenza Pmal comunque è già all’attenzione della presidente della Regione, Donatella Tesei, che proprio nei giorni scorsi ha incontrato il capo di Stato maggiore dell’Esercito, generale di Corpo d'armata Pietro Serino. E al termine del colloquio la governatrice ha ricevuto ampie assicurazioni sul futuro del polo militare che si occupa della revisione e della manutenzione delle armi di Esercito, carabinieri e guardia di finanza. E anche l’assessore regionale Enrico Melasecche ha ribadito il suo impegno per il Pmal e la realizzazione del Museo delle armi in viale Brin.