Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, si vota in sette Comuni: sorpresa a Cascia

Felice Fedeli
  • a
  • a
  • a

Sette i Comuni al voto il 12 giugno in Umbria, solo Narni e Todi sulla carta possono andare al ballottaggio dopo quindici giorni. Le altre cinque fasce tricolori in palio verranno assegnate lunedì 13 quando alle ore 14 comincerà lo scrutinio. Dai 19.500 residenti di Narni si passa ai 99 abitanti di Poggiodomo (il dato è aggiornato al 30 novembre dell’anno scorso).

 

 

In mezzo ci sono Todi, Deruta, Cascia, Valtopina e Monteleone di Spoleto.
Colpo di scena a Todi a 24 ore dalla presentazione delle liste, il Partito Socialista da sempre cardine della vita politica tuderte non si presenta e candida un suo esponente nella lista della Sinistra per Todi. Per certi versi ancora più clamoroso quanto successo ieri a Cascia: il sindaco uscente Mario De Carolis non avrà sfidanti, si candida solo lui... a succedere a se stesso.

 

 

Tornando ai numeri da segnalare che sono 16 gli aspiranti primi cittadini, per nove di loro però la corsa terminerà con una sconfitta. Ben 32 le liste depositate. Nutrita la presenza femminile, con le eccezioni di Todi e Valtopina dove candidati sindaco sono solo maschietti. Per il resto parità di genere rispettata alla lettera a Deruta, Monteleone di Spoleto e Poggiodomo. A Cascia, come detto, in pista solo Mario De Carolis e a Narni c’è una candidata donna che dovrà vedersela con tre uomini.
Che altro da dire? Niente se non ricapitolare per chiarezza i comuni che vanno al voto: Narni (quattro i candidati sindaco per un totale di 11 liste), Todi (tre i candidati sindaco: Antonino Ruggiano, Floriano Pizzichini e Fabio Catterini per 12 liste complessive), Deruta (lo scontro è tra l'uscente Michele Toniaccini e Raffaella Diosono), Cascia (corre solo l'uscente Mario De Carolis), Valtopina (Lodovico Baldini se la vedrà con Gabriele Coccia), Monteleone di Spoleto (Marisa Angelini vs Francesco Pasquali) e Poggiodomo (Marina Amori contro Filippo Marini).