Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Foligno, è umbra la campionessa italiana di agility dog nella categoria juniores under 15

Giulia Silvestri
  • a
  • a
  • a

È di Foligno la campionessa italiana di agility dog nella categoria juniores under 15. Benedetta Casciola non ha ancora compiuto 14 anni e ha già portato sul gradino più alto del podio la sua Black Orchid della Valdice, detta Dea, una barboncina nana nera di sei anni. Domenica scorsa a Reggio Emilia, Benedetta e Dea si sono aggiudicate il primo posto alla gara nazionale di selezione per il campionato mondiale juniores dell’Enci (Ente Nazionale Cinofilia Italiana), vincendo su oltre 40 binomi in gara, i migliori qualificati alle preselezioni. Ora insieme ad altri tre binomi, Benedetta e la sua barboncina formeranno la nazionale italiana juniores under 15 della categoria small (cani di piccola taglia) che dal 14 al 17 luglio sbarcherà in Finlandia per il campionato mondiale di agility sfidando i giovanissimi campioni di tutto il mondo. Un importante traguardo per la giovane Benedetta, che oltre alla conduzione della sua Black Orchid in gara può vantarne l’addestramento, cui la campionessa si dedica con dedizione da ben 6 anni. Una passione che ha ereditato dal papà Fabio Casciola, veterinario e direttore sanitario della Pet Services, la clinica in cui oltre alla cura dell’animale si dedica all’educazione cinofila. Anche Fabio, infatti, partecipa con il suo border collie alle gare di agility.

 

 

La particolarità è che questo cane è stato interamente addestrato da Benedetta - spiega il papà – ha prima seguito il corso di educazione base, poi ha debuttato con le gare di agility arrivando fino al terzo e ultimo livello di difficoltà. È riuscita a creare questo binomio perché è stata brava ad educare il cane e a gestire questo rapporto di complicità”. Una disciplina sana quella dell’agility dog, dove il cane è l’atleta ma i ragazzi imparano a misurarsi con l’animale, a prendersene cura e ad acquisire un alto grado di responsabilità. Così Benedetta accanto alla cura quotidiana dedica ben due sere a settimana agli allenamenti della sua Black Orchid, oltre alle gare nel fine settimana. Prima della Finlandia però, ad attenderla il 28 maggio c’è un'altra importante sfida, il Trofeo Enci di agility, al quale si è qualificata partecipando a numerose gare durante l’anno.

 

 

Benedetta sarà la più giovane dei quattro campioni umbri che rappresenteranno la regione al trofeo nazionale, tra questi anche il papà Fabio, che non nasconde il talento della figlia. Un vero e proprio orgoglio per la famiglia e anche per quanti conoscono e apprezzano la sua passione e il suo impegno profuso fin da giovanissima e che ora sta dando i primi brillanti frutti.