Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ceri di Gubbio, ordinanze per la sicurezza e la sanità pubblica: no alcol e mascherine

L'epilogo della corsa nel 2015

  • a
  • a
  • a

La Questura di Perugia ha stabilito per la Festa dei Ceri di Gubbio, in programma domenica 15 maggio, una serie di misure e provvedimenti per la gestione della sicurezza. Il sindaco ha dunque emanato un'ordinanza. Viene vietata la vendita e la somministrazione di bevande per asporto in contenitori di vetro e metallici a partire dalle ore 20 del giorno prima, sabato 14 maggio. Il divieto resterà in vigore fino alle 24 di domenica. Inoltre sempre su sollecitazione della questura e per sabato, sono state stabilite alcune prescrizioni: pubblici esercizi e circoli privati del territorio comunale dovranno chiudere entro le 24. Dalle 22 saranno vietate la vendita e la somministrazione di bevande con una gradazione alcolica superiore ai 21 gradi. 

Per la giornata di domenica 15 maggio, in occasione della Festa, divieto di somministrazione di bevande con il contenuto alcolico superiore ai 5 gradi dalle ore 10 alle ore 12 per titolari di pubblici esercizi, distributori automatici, venditori ambulanti e soggetti autorizzati nella zona del centro storico che sarà interessata dall'Alzata dei Ceri. Ma non si è mossa soltanto la Questura. Anche le autorità sanitarie hanno invitato il primo cittadino di Gubbio ad attuare azioni per cercare di evitare situazioni di pericolo per la salute pubblica. 

Nella seconda ordinanza, si impone al pubblico che assiste alla Festa dei Ceri, di indossare le mascherine, preferibilmente di tipo Ffp2, sia in Piazza Grande che nei luoghi affollati lungo il percorso dei Ceri. Sono esentati dall'obbligo i bambini che hanno meno di sei anni, le persone con patologie e disabilità che non sono compatibili con l'uso della mascherina, le persone che devono comunicare con un disabile che non può indossare il dispositivo. L'ordinanza è valida anche per le sonate del Campanone in Piazza Grande di venerdì 13 e sabato 14. E' inoltre vietato l'accesso in Piazza Grande con ombrelli, oggetti voluminosi o comunque ritenuti atti a offendere, e con contenitori in vetro o metallo.