Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, tutti gli appuntamenti della notte dei musei di sabato 14 maggio

  • a
  • a
  • a

Sabato 14 maggio torna la Notte europea dei musei. L’iniziativa, che si svolge in contemporanea in tutta Europa, prevede l’apertura serale straordinaria e l’ingresso dei principali musei, complessi monumentali, parchi e siti archeologici statali al costo simbolico di un euro. I siti della direzione regionale musei dell’Umbria che aderiscono con iniziative specifiche, in molti casi a partire dal pomeriggio, sono: il museo archeologico nazionale dell’Umbria (Manu) in piazza Giordano Bruno, 10, a Perugia; l’Ipogeo dei Volumni e Necropoli del Palazzone, via Assisana, a Ponte San Giovanni; il museo archeologico nazionale e teatro romano di Spoleto; la Rocca Albornoz e il museo nazionale del Ducato di Spoleto; il Tempietto sul Clitunno; il museo archeologico nazionale di Orvieto; Palazzo Ducale di Gubbio; il Teatro romano e antiquarium di Gubbio; il Castello Bufalini a San Giustino; la Villa del Colle del Cardinale, Strada per Sant’Antonio, a Perugia.

 

 

I temi che saranno trattati nei diversi luoghi della cultura vanno dai miti alla storia alla scienza. Al Manu si tratterà de “il volo di Hypnos da Civitella a Mevania” per far riscoprire e far conoscere la ricchezza e l’importanza del patrimonio storico, archeologico, ambientale e paesaggistico diffuso sul territorio umbro. Si parlerà di argomenti molto legati al territorio come di ceri a Gubbio. E poi passeggiate, installazioni, video proiezioni e nottate al chiaro di luna come al Tempietto sul Clitunno. E ancora, il cantastorie Michele neri al Castello Bufalini farà rivivere le avventure dei paladini di Francia. Previsti concerti, aperitivi, incontri e presentazioni di libri. ovviamente, viste guidate a cura di esperti.

 

 

Per accedere ai luoghi culturali statali non è più richiesto il possesso del green pass rafforzato, né di quello base, mentre l'utilizzo di mascherine chirurgiche è fortemente raccomandato. E’ consigliato inoltre di consultare i siti dei musei e dei parchi archeologici prima di programmare la visita. Inoltre ogni sito prevede un programma molto articolato e, nella maggioranza dei casi, è necessaria la prenotazione.