Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, cinquecentenario del Perugino: c'è il bando per presentare idee e progetti

  • a
  • a
  • a

Nel 2023 ricorrerà il cinquecentenario del Perugino, pittore rinascimentale, nato a Fontignano. Orgoglio del territorio umbro. Tant’è che la grande mostra a lui dedicata nel 2004, dal titolo Perugino, il divin pittore, chiuse con numeri record: 399 mila presenze e servì anche a conoscere meglio l’opera di questo grande artista come afferma Ilaria Borletti Buitoni oggi a capo del Comitato nazionale per le celebrazioni. Così l’Umbria si prepara a celebrare l’anniversario mettendo insieme un programma di iniziative estese in tutto il territorio coordinate da comitato, presieduto appunto dall’ex sottosegretario ai Beni culturali, grazie allo stanziamento di 1 milione di fondi ministeriali.

 

 

Il bando per proporre idee e progettualità è stato presentato ieri alla presenza dell’assessore regionale Paola Agabiti, del sindaco di Perugia Andrea Romizi e della stessa presidente del Comitato Ilaria Borletti Buitoni. Il bando è rivolto a enti pubblici, enti del terzo settore, imprese strumentali, enti religiosi civilmente riconosciuti e soggetti privati che dovranno proporre attività di ricerca, progetti formativi, editoriali, espositivi e manifestazioni culturali. Le domande dovranno essere presentate, compilando online l’apposito modulo sul sito www.peruginocinquecento.it, entro le ore 14 di mercoledì 15 giugno 2022. I progetti saranno giudicati dal Comitato nazionale. 

 

 

“L’avviso vuole estendere le iniziative su tutto il territorio - ha sottolineato Borletti Buitoni - così da offrire un ventaglio capillare di proposte”. L’assessore Agabiti ha detto che le celebrazioni saranno accompagnate da una vasta campagna promozionale e di comunicazione affidata all’agenzia Armando Testa. “Si partirà dopo l’estate e si punterà a richiamare anche un turismo estero”. Il sindaco Romizi ha annunciato che, grazie a fondi della campagna Art Bonus, sarà restaurata la statua del perugino ai giardini Carducci.