Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria activity park, apertura a giugno per il parco a tema più grande del centro Italia

Sabrina Busiri Vici
  • a
  • a
  • a

Dopo uno stop prolungato nel 2021 l’ex Activo park, l’area di divertimenti a tema di Scheggino, torna ad aprirsi al pubblico per la stagione in corso con una nuova identità: Umbria activity park. Oltre ad aver cambiato il nome il parco in questi mesi è stato totalmente riqualificato e messo a norma anche a seguito dell’emergenza Covid. “Stiamo ancora lavorando con interventi ben più lunghi del previsto per questo l’apertura in calendario ad aprile è stata posticipata a giugno con data ancora da definire”, annuncia Angela Mellone, amministratrice di Up trees, la società che si è aggiudicata il bando di gestione del parco.

 

 

Con i suoi cinque ettari di estensione l’Umbria activity park è il parco avventura più grande del centro Italia. Le sue peculiarità sono costituite da percorsi avventura per grandi e piccoli: in particolare da cinque tragitti sopraelevati tra le chiome degli alberi, passerelle, ponti tibetani, liane e carrucole e 27 giochi a terra (si va dalle bocce al mini golf allo zip line fino al maxi ping pong e molto altro ancora). Gli operatori del parco garantiscono la sicurezza anche attraverso il sistema definito a linea vita continua: “Il sistema è composto da un moschettone - spiega Mellone - che, inserito nel cavo d’acciaio all’inizio del percorso, non può essere in alcun modo sganciato se non una volta giunti a terra. Per tutti i percorsi viene fornita attrezzatura idonea e certificata, tra cui un’ imbracatura e un casco di protezione. Sono acquistabili alla cassa guanti da lavoro per chi volesse proteggere le mani dal contatto con i cavi d’acciaio”.

 

 

L’investimento affrontato per la rigenerazione dell’intero parco è stata di 300 mila euro secondo quanto riportano i soci di Up trees. E ora ultimata l’opera non resta che aspettare i turisti. Ma come stanno andando gli arrivi in Valnerina? “Ancora un po’ a rilento, ci aspettiamo l’esplosione a luglio e agosto - è la risposta di Roberto De Ascentiis, uno dei soci di Up trees -. Io ho anche un centro rafting sempre a Scheggino, Pangea centro outdoor, e quest’anno contiamo di tornare ai flussi pre pandemici di 10 mila presenze durante l’arco dei dodici mesi”. Intanto chi vuole informarsi sulle novità di Umbria activity park può anche vistare il sito https://umbriactivitypark.it/.