Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

I borghi più belli d'Italia sono in Umbria

  • a
  • a
  • a

I borghi più belli d'Italia sono in Umbria. Ventinove comuni su 92 si fregiano di questo titolo, quasi il 30%, ponendo la regione - per il secondo anno consecutivo - al primo posto assoluto nel panorama nazionale. Altrettanto bene solo le Marche mentre il distacco con tutti gli altri territori è notevole. “Il risultato ottenuto dall’Umbria testimonia la grande attenzione che è stata raggiunta nel corso degli anni nella salvaguardia e nella tutela dei piccoli comuni - evidenzia Fiorello Primi, presidente dell’associazione dei Borghi più belli d’Italia - Un risultato tanto più apprezzabile se si considera che la selezione per accedere al titolo è rigorosa e tiene conto di numerosi fattori e requisiti”.

 

 

 

 

 

 

Il titolo, infatti, viene assegnato dopo un’attenta analisi, al termine di un programma di visite sul posto per verificare la sussistenza di 72 parametri diversi come la qualità architettonica, la valorizzazione dei beni artistici e culturali, lo sviluppo, la promozione del territorio. “Il titolo viene assegnato e deve essere mantenuto - spiega Primi - a distanza di mesi le visite vengono ripetute affinché i borghi che già fanno parte dell’Associazione abbiano mantenuto le caratteristiche richieste dalla Carta di qualità”.
L’associazione è nata nel 2001 dall’esigenza di valorizzare il grande patrimonio di storia, arte, cultura, ambiente e tradizioni presente nei piccoli centri italiani. Borghi che spesso rischiano lo spopolamento e il conseguente degrado a causa di una situazione di marginalità rispetto agli interessi economici che gravitano intorno al movimento turistico e commerciale. “Entrare a far parte della rete dei Borghi più belli d’Italia è importantissimo - spiega Primi - perché permette di raggiungere un livello di promozione sia a livello nazionale che a livello internazionale che altrimenti sarebbe impensabile”. 

 

 

 

 

L’Umbria, che nei giorni scorsi a Castiglione del Lago ha ospitato gli eventi per il ventesimo anniversario della costituzione dell’associazione, sarà di nuovo protagonista il 28 maggio per il raduno mondiale a Passignano sul Trasimeno alla presenza dei rappresentanti di 12 nazioni. 
I borghi umbri che fanno parte dell’associazione sono Acquasparta, Allerona, Arrone, Bettona, Bevagna, Castiglione del Lago, Citerna, Corciano, Deruta, Lugnano in Teverina, Massa Martana, Monte Castello di Vibio, Montecchio, Montefalco, Monteleone d’Orvieto, Monteleone di Spoleto, Montone, Nocera Umbria, Norcia, Paciano, Panicale, Passignano sul Trasimeno, Preci, San Gemini, Sellano, Spello, Torgiano, Trevi, Vallo di Nera.