Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Baschi, scoperta truffa a società di noleggio auto. Quattro indagati

  • a
  • a
  • a

E' stato smantellato un sistema di truffe alle società di noleggio auto. L’indagine, condotta dai militari della stazione carabinieri di Baschi, ha portato al deferimento all’autorità giudiziaria di Terni di quattro persone, tutte indagate in concorso per truffa e ricettazione. Dalle indagini è emerso che tre degli indagati, tutti di origine campana, presso note società di noleggio con sede a Roma e Nettuno prendevano a proprie nome, in locazione, autovetture di categoria superiore, che poi cedevano ad un quarto complice il quale, mediante l’utilizzo di false procure speciali, le rivendeva ad ignari concessionari nel territorio nazionale.

In questo modo gli organizzatori della truffa incameravano cospicui guadagni illeciti derivanti dalla rilevante differenza tra il costo del noleggio (pagamento solo delle prime rate) ed il ricavo dalla successiva rivendita dell'auto a prezzo di mercato del seminuovo. Al momento si è proceduto al sequestro di un veicolo, individuato presso una concessionaria in provincia di Salerno, mentre all'autorità giudiziaria sono stati richiesti diversi decreti di sequestro preventivo per veicoli individuati in altre concessionarie, tra le quali una a Baschi. Nel frattempo continua senza sosta l’attività dell’Arma del comando provinciale carabinieri di Terni, in questo caso dei militari della compagnia di Orvieto, volta a prevenire e reprimere i reati di natura predatoria nel territorio.

Questa volta i carabinieri della stazione di Fabro hanno denunciato due persone, entrambe di origine campana, per furto aggravato in quanto gravemente indiziati di aver asportato da un furgone, in sosta in un’area parcheggio nei pressi del casello autostradale di Fabro, un martello tassellatore di proprietà di una ditta edile di Campobasso, del valore di circa mille euro. Le indagini sono state condotte attraverso l’incrocio di vari dati volti ad accertare l’identità degli indagati e il mezzo utilizzato per la fuga, grazie agli impianti di videosorveglianza installati presso diversi esercizi commerciali ed il casello autostradale.