Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, "sulla E45 serve una corsia di emergenza". Le parole di Ruggero Campi, presidente Aci Perugia

Sabrina Busiri Vici
  • a
  • a
  • a

Grandi arterie con corsie d’emergenza, strade comunali con maggiore e costante manutenzione, controlli serrati da parte delle forze dell’ordine, collaudi frequenti e senso di responsabilità da parte di chi guida sono i fattori necessari per rendere le strade più sicure secondo quanto riporta Ruggero Campi, presidente dell'Automobile club di Perugia.
Presidente, da un report online di Aci si individuano le strade con maggiori incidenti, la E45 ha questo triste primato in Umbria. Per migliorare gli standard di sicurezza Anas sta facendo abbastanza?
Stanno lavorando molto. Vanno benissimo la nuova pavimentazione, il ripristino di viadotti, gli spartitraffico di nuova generazione ma è essenziale anche provvedere all’allargamento delle corsie creando un’area di emergenza che invece ora manca.
Sono più pericolose le strade o le persone alla guida?
A mio parere sono le amministrazioni a essere pericolose perché fanno promesse da marinaio sullo stato di ripristino delle strade che invece si presentano, soprattutto in ambito comunale, in uno stato pietoso. Alcune andrebbero addirittura chiuse.

 


Sono le strade comunali quindi a essere da bollino rosso?
Sì, anche perché spesso chi guida è più distratto proprio perché si mette al volante dovendo affrontare, per lo più, piccoli spostamenti e lo fa con meno attenzione.
Quando parla di strade da chiudere ha un esempio da farci?
Uno su tutti: Casaglia. I primi 400 metri della strada verso la frazione perugina sono bene asfaltati il resto è in completo degrado. Volevo scrivere anche al Prefetto per farla chiudere. Le strade devono rispettare condizioni standard di sicurezza e, invece, ci sono tratti non collaudabili.

 


 

Può aiutare un limite in città di 30 chilometri orari?
Va contestualizzato. Può servire dove ci sono zone con aree pedonabili e ciclabili altrimenti no.
Un consiglio per chi si mette al volante?
Fare un corso di guida sicura all’autodromo di Magione. E soprattutto spegnere il cellulare quando si guida.