Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Assisi, degrado e rifiuti abbandonati nella zona industriale

  • a
  • a
  • a

“Grave stato di degrado e di abbandono di alcuni luoghi della zona industriale di Santa Maria degli Angeli”. A denunciarlo i consiglieri comunali del gruppo Lega Assisi, Francesco Mignani e Jacopo Pastorelli.

 

 

“Assistiamo quotidianamente a numerosi atti di inciviltà, un'evidenza alla quale finiremo per arrenderci purtroppo, vista la difficoltà di contrastare questa grande maleducazione – spiegano i consiglieri - L'amara constatazione nasce dal fatto che si continua a vedere nelle nostra città, nei  nostri borghi, nelle nostre periferie, nei nostri angoli verdi, negli spazi comuni e nei parcheggi, accumuli di rifiuti abbandonati dai soliti ignoti che il più delle volte rimangono impuniti per le loro azioni. Nonostante i mezzi di informazione relativi alle diverse possibilità di conferimento, l'intervento degli addetti alla raccolta, l'opera educativa delle scuole e i numerosi sistemi di sorveglianza, la maleducazione ha il sopravvento e le sporcizie aumentano assumendo le caratteristiche di vere proprie discariche abusive a cielo aperto. È evidente che in queste circostanze il controllo del territorio da parte delle forze di polizia urbana, risulta molto difficoltoso, ma non impossibile. Basterebbe infatti un'attenzione nelle zone più sensibili, un'azione più capillare sulla verifica delle telecamere presenti ed intervenire pesantemente con delle sanzioni".

 

 

In particolare, occorrerebbe una tempestiva rimozione degli accumuli segnalati o avvistati.  È il caso, questa volta, della discarica presente nella nostra zona industriale di Santa Maria degli Angeli. "Purtroppo non è l'unico luogo interessato in cui si abbandonano rifiuti, tutti vivono la stessa realtà di degrado, con periferie sempre più lontane dalle attenzioni degli amministratori. Realtà dove la gente, riceve sempre meno servizi ed è costretta a lavorare e vivere in luoghi sempre meno ospitali” concludono gli esponenti della Lega.