Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, l'allenatore picchiato al torneo giovanile sporge denuncia contro il suo aggressore

Giorgio Palenga
  • a
  • a
  • a

Francesco Latini, nel pomeriggio di martedì 19 aprile 2022, è stato dimesso dall’ospedale di Cesena, dove era stato ricoverato a seguito della grave lesione al rene subita nel pestaggio in mezzo al campo di gioco il giorno di Pasqua.

L’allenatore della formazione dei 2009 dell’Accademia Calcio Terni dovrà restare in riposo assoluto per un mese, con controlli periodici ogni dieci giorni, che però potrà effettuare all’ospedale di Terni. Prima di ripartire per Terni ha fatto sosta alla locale caserma dei carabinieri dove ha sporto denuncia.

 

La vicenda che lo ha visto protagonista, suo malgrado, risale al torneo Regins Cup, organizzato per le festività pasquali 2022 in alcuni stadi della riviera romagnola, tra cui Cattolica, Misano e Gabicce Mare, dove è avvenuto il fattaccio (nella foto lo stadio di Gabicce).

Latini, durante la partita che opponeva i suoi ragazzi alla formazione romana del Gdc Ponte Nona, insieme all’allenatore della squadra capitolina è intervenuto per sedare un mezzo parapiglia che si era acceso in campo. Riportati gli animi alla calma, con un cenno d’intesa i due tecnici stavano riguadagnato le rispettive panchine, con l’allenatore del team romano che aveva già predisposto la sostituzione di uno dei suoi ragazzini più agitati. A un certo punto il tecnico ternano, che ha 33 anni e nella vita lavora come impiegato in un’azienda tessile della provincia, è stato raggiunto dal padre del baby giocatore appena sostituito, che lo ha colpito prima con un violento pugno e poi, una volta caduto a terra, con un tremendo calcio alla schiena.

 

Un colpo, questo, che ha provocato una lesione al rene che sulle prime ha destato grande preoccupazione. Soccorso dal 118, Latini è stato prima accompagnato all’ospedale di Riccione, dove però i medici hanno disposto il trasferimento nel nosocomio Bufalini di Cesena, dove c’è un apposito reparto “grandi traumi”. Sulle prime si era ipotizzato che potesse essere necessario un intervento chirurgico, ipotesi per fortuna scongiurata. Fino alle dimissioni di martedì pomeriggio, con la prescrizione però del riposo assoluto.