Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Città di Castello, i genitori gli negano l'uso del pc e va in escandescenza: interviene la polizia

  • a
  • a
  • a

Ha dato in escandescenza dopo che i genitori gli avevano negato l’uso del computer e quando ha avuto una crisi isterica è stato necessario l’intervento della Polizia. È successo a Città di Castello, dove gli agenti del Commissariato di Città di Castello - lo riferisce l'Adnkronos - sono intervenuti presso un’abitazione del tifernate a seguito di una discussione familiare

 

 

La richiesta d’intervento è stata fatta dai genitori in difficoltà con il proprio figlio, che era diventato irascibile verso di loro dopo continue discussioni sull’uso del computer. Una volta giunti sul posto, i poliziotti si sono intrattenuti con il giovane che, come riferito dai genitori, si era già tranquillizzato perché intimorito dalla chiamata fatta alla Polizia di Stato. Dall’incontro con i poliziotti e dalla chiacchierata che ne è seguita, il giovane ha fatto un "patto" con i poliziotti. Ha garantito non solo che metterà in pratica un comportamento rispettoso e collaborativo con il padre e la madre ma che rispetterà i limiti imposti dai genitori per l’uso del computer.

(in aggiornamento)