Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, salvati tre gattini chiusi in busta di plastica e gettati in un cassonetto

  • a
  • a
  • a

I vigili del fuoco del comando provinciale di Terni sono intervenuti nel corso della serata di sabato 16 aprile in via Gabelletta per il salvataggio di tre gattini appena nati che qualcuno aveva gettato dentro una busta di plastica all'interno di un cassonetto per la raccolta di indumenti usati. I lamenti delle bestioline hanno messo in allarme alcuni passanti che hanno immediatamente chiamato il 115. I pompieri sono riusciti ad aprire il cassonetto e a recuperare i gattini spaventati (nella foto) che, senza il tempestivo intervento dei vigili del fuoco, sarebbero andati incontro a una morte sicura. Un gesto di crudeltà gratuita e inspiegabile, opera di qualche teppista in cerca di bravate.

Al momento non ci sono testimoni che hanno visto l’autore dei maltrattamenti, ma le indagini proseguono. E’ bene ricordare che il maltrattamento di animali è un reato perseguibile d’ufficio e previsto espressamente dal codice penale. La legge 281 del 14 agosto 1991 sulla tutela degli animali di affezione, condanna ogni comportamento che provochi l'uccisione, il maltrattamento, l'abbandono e la detenzione in situazioni di scarsa igiene, “al fine di favorire la corretta convivenza tra uomo e animale e di tutelare la salute pubblica e l'ambiente”. Occorre ricordare che la legge 189 del 20 luglio 2004 ha modificato l'articolo 727 del codice penale decretando che i trasgressori dei suddetti divieti sono perseguiti penalmente anche con la reclusione da tre a 18 mesi o con multe dai 3 mila ai 15 mila euro.

Purtroppo gli episodi di crudeltà verso cani e gatti non sono inusuali in Italia e anche a Terni. Intanto i tre gattini salvati sono stati presi in consegna dai vigili del fuoco che li hanno coccolati e rifocillati a dovere in attesa che qualcuno decida di portarseli a casa e adottarli. Nonostante lo spavento i tre micini comunque sono in buone condizioni di salute.