Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Danilo Petrucci trionfa con la Ducati alla prima gara in MotoAmerica, la Superbike Usa

Giorgio Palenga
  • a
  • a
  • a

Prima gara a stelle strisce e prima vittoria. Danilo Petrucci, il pilota ternano che, dopo la Moto GP, è riuscito a vincere anche una tappa alla Dakar, sempre con la Ktm, ha dimostrato alla prima uscita in sella alla Ducati Panigale V4 di essere un vincente anche nella Superbike Usa, cogliendo una vittoria all’esordio nel MotoAmerica, sul circuito di Austin, in Texas. Danilo ha messo in fila piloti di grande esperienza nella competizione, considerando anche che si è presentato non al meglio delle sue condizioni fisiche e con alle spalle solo due prove in Europa della nuova moto.

 

 

Il centuaro di Terni non è partito bene, ma ha recuperato posizione su posizione fino ad arrivare in testa e riuscire a gestire il vantaggio alla bandiera scacchi sul sudafricano Scholtz, che ha dato battaglia fino alla fine, concludendo sulla piazza d’onore a 1,7 secondi da Petrucci.

“Il mio obiettivo era salire sul podio – ha detto Petrucci nelle interviste del dopo gara – perché questi ragazzi sono davvero veloci e io dal 2021 praticamente non mi sono mai fermato. Ho corso la Moto Gp, poi sono andato a fare i test della Dakar, quindi eccomi qua. Mi sono rotto la caviglia, prima e durante la Dakar, poi anche la clavicola e il radio. Non ho avuto la possibilità di fare un vero allenamento. Quando stavo meglio, un mese fa ho preso la mia moto da cross e sono caduto di nuovo e mi sono rotto il legamento. Ho quasi dimenticato come si corre, mi sento come se avessi le gambe di un altro uomo. Ma sono felice. Non sono fisicamente in forma, ma ho cercato di presentarmi a questo appuntamento quanto meglio possibile”.

 

 

Poi sulla gara vinta ad Austin: “Ho provato a spingere dall’inizio ma nella prima parte ho faticato, la mia gomma posteriore era davvero instabile. Abbiamo solo un paio di giorni di test in Europa, quindi per me la moto è completamente nuova, deve adattarsi alle gomme Dunlop che sono molto buone ma hanno bisogno di una messa a punto adeguata. Poi ho trovato il passo giusto e ho risalito le posizioni. Di sicuro, sono davvero felice di essere qui a correre con questi ragazzi, l’atmosfera è davvero molto bella. Venire in MotoAmerica è una delle scelte migliori che abbia mai fatto”.

Danilo ha dichiarato anche di essere stato avvantaggiato dal fatto di aver già corso a Austin: “Conoscevo la pista, questo mi ha aiutato. Le altre, però, non neanche… dove siano!”.

Da segnalare infine che in precedenza solo un altro ex pilota di Moto GP, lo spagnolo Tony Elias, era riuscito nell’impresa di vincere subito all’esordio nel MotoAmerica.