Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, al via il montaggio della maxi ruota in piazza della Repubblica

  • a
  • a
  • a

A Terni mercoledì 6 aprile è iniziato il montaggio della ruota panoramica di 34 metri (nella foto di Stefano Principi) in piazza della Repubblica e ancora una volta non sono mancate le polemiche. “Sono abituato a sentire critiche riguardo all'attrazione - spiega Riccardo Claudi, amministratore della Hsc events best panoramic wheels - perché è già capitato in altre città dove sono state installate queste ruote. All'inizio è sempre così poi quando andiamo via tutti cambiano idea e la ruota viene promossa da tutti. E' una struttura super sicura con tanto di certificazione e possono salirci tutti. L'inaugurazione è prevista per sabato 8 aprile, ma ancora dobbiamo concordare l'orario con l'amministrazione comunale. Resteremo in piazza della Repubblica fino al 12 giugno”.

La ruota è sostenuta da torri inclinate a forma di piramide. Le gondole sono 24 in tutto per sei posti ciascuna (144 complessivi). Non può essere utilizzata con vento sopra i 38 chilometri orari. A dare parere favorevole riguardo al posizionamento della ruota panoramica in piazza della Repubblica, dopo lo spostamento da piazza Tacito, c’è anche il presidente dell'Ente Cantamaggio, Maurizio Castellani. “Ci voleva una innovazione - dice - e questo va a vantaggio della città. Tutte le novità vanno a beneficio dell'intera comunità. In molti mi hanno chiesto se ci sono problemi per la sfilata dei carri allegorici.

Abbiamo effettuato un sopralluogo e non c'è nessun problema perchè ci passano tranquillamente”. Oltre ai pareri positivi c'è anche chi è ancora critico come la consigliera Doriana Musacchi (gruppo Misto) che ha espresso il suo parere su un post. “Ho appreso con un certo sconcerto - afferma - che hanno iniziato a montare a piazza della Repubblica il mostro di ferro panoramico. Un elefante in un negozio di cristalli lo definirei. Al netto delle valutazioni fatte dall'amministrazione comunale penso sia opportuno porre alcuni interrogativi per gli interessi della città e dei suoi residenti. È compatibile una installazione del genere con una piazza di un centro storico e con i suoi vincoli? È compatibile con le bellezze architettoniche che sicuramente devono essere lasciate libere nella visuale ai ternani e ai visitatori della città?". La battaglia tra favorevoli e contrari va ancora avanti.