Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Eurochocolate, il 95% delle presenze provenienti da fuori regione. Maltempo e contagi fermano i visitatori a 18.500

Sabrina Busiri Vici
  • a
  • a
  • a

Maltempo, contagi e tensioni di guerra spengono il buon risultato di Eurochocolate. L’obiettivo di 35 mila presenze è rimasto lontano, 18.500 sono state quelle registrate, il 95% provenienti da fuori regione. “Un dato curioso arriva dallo stesso quartiere di borgo xx Giugno - racconta il presidente Eugenio Guarducci all’incontro a palazzo dei Priori - Non c’è stata adesione da parte dei residenti del quartiere: su 240 tessere sconto richieste ne sono rientrate solo 30”.

 

 

La manifestazione ai giardini del Frontone, insomma, è riuscita ad attrarre gente dall’estero ma i perugini sono stati poco presenti. Questo non scoraggia il presidente Guarducci né tanto meno l’assessore comunale Gabriele Giottoli: “La sfida è comunque vinta - riportano entrambi -: rispetto alla situazione generale e al periodo di bassa stagione turistica i risultati sono stati ottimi e la formula è stata molto apprezzata sia per la collocazione scelta che per gli eventi realizzati legati anche alla visita della città e dei musei”.

 

 

Nel primo fine settimana il bel tempo, infatti, ha messo in evidenza l’alto gradimento dei visitatori poi il clima è cambiato. “Fare numeri buoni nel periodo di Pasqua sono tutti bravi - aggiunge Guarducci - ma il cambio di passo sta proprio nel destagionalizzare turismo ed eventi”. Da qui il rilancio della manifestazione per il 2023. La formula si ripeterà dal 24 marzo al 2 aprile. Ecco, dunque, il claim annunciato: Ci sarai? Ovvio. “Abbiamo davanti dodici mesi - conclude Guarducci - non solo tre come per l’edizione appena conclusa. Perciò contiamo di incrementare ancora la provenienza dall’estero”. All’incontro di ieri era presente anche la cake designer ucraina, collaboratrice di Eurochocolate, Anastasia Cherednychenko, insieme al padre appena arrivato dalle zone del conflitto.