Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, studente di 13 anni aggredito durante la ricreazione finisce in ospedale

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Uno studente tredicenne è stato aggredito a scuola durante la ricreazione e colpito alla testa da un compagno. E’ stato necessario il ricovero al pronto soccorso del Santa Maria della Misericordia. Prognosi di dieci giorni. I fatti si sono svolti in un istituto della periferia di Perugia. 
Il dirigente scolastico - contattato dal Corriere dell’Umbria - fa sapere ai vere avviato un’indagine per definire la dinamica dei fatti. E per capire se a monte della vicenda vi siano matrici riconducibili al bullismo. E’ stata chiesta una dettagliata relazione si docenti presenti al momento dell’aggressione. Il giovane, perugino, è stato curato nel reparto di emergenza e urgenza giovedì scorso.
Stando al referto gli sono stati riscontrati un trauma cranico non commotivo, una ecchimosi all’occhio sinistri e “alterazione del visus”. Al momento non è stata sporta denuncia. 


Nei giorni scorsi fuori dallo stesso istituto è stato segnalato un’altra zuffa. Sempre fra studenti.
Un fenomeno, quello della violenza fra gruppi di minorenni, che la stessa dirigenza scolastica sta cercando di combattere con incontri formativi a tema. 
Nei giorni scorsi in un istituto superiore del tuderte si sono verificati episodi analoghi e due studenti sono stati espulsi.
Tornando a Perugia, le segnalazioni di baby gang che fuori e dentro la scuola violano la legge si moltiplicano. 

I carabinieri di Corciano la scorsa settimana hanno identificato 30 minori che si erano dati appuntamento sul parcheggio di un centro commerciale per una resa dei conti, dopo che un ragazzino era stato derubato del portafogli e picchiato dal gruppo. E non è la prima volta che ci sono aggressioni e rapine di questo tipo. Fomentati dall’uso di birra e superalcolici. L’altro ieri la polizia locale di Perugia ha identificato altri 21 minorenni che fumavano e bevevano alcol dentro la galleria Kennedy. Anche questi sarebbero recidivi. Sono stati convocati i rispettivi genitori.