Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, il piano industriale di Arvedi per l'Ast: decarbonizzazione e idrogeno verde

  • a
  • a
  • a

Un piano Industriale "per la decarbonizzazione di Acciai Speciali Terni con introduzione di idrogeno verde”. Lo ha presentato, la mattina di venerdì 1 aprile 2022, il cavalier Giovanni Arvedi, accompagnato dall'amministratore delegato del suo gruppo industriale, Mario Caldonazzo, alle istituzioni regionali e provinciali, nell'incontro che si è svolto negli uffici ternani della Regione Umbria alla presenza della governatrice, Donatella Tesei, dell’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Michele Fioroni, e del sindaco di Terni, Leonardo Latini, collegato in videoconferenza in quanto contagiato dal Covid. Presente anche il direttore di stabilimento dell'Ast e componente del board, Dimitri Menecali.

 

 

Nel pomeriggio l'incontro con i sindacati e, a seguire, quello con gli organi di informazione.

Come ha spiegato la stessa Regione in una nota, il cavaliere Arvedi ha evidenziato alla presidente Tesei e al sindaco Latini gli obiettivi di Acciai Speciali Terni per i prossimi anni, che saranno focalizzati sull’attenzione per l’ambiente, la sicurezza e la completa decarbonizzazione del sito umbro con l’introduzione dell’idrogeno verde.  
Il presidente Arvedi ha inoltre ribadito l’impegno al rilancio industriale del sito di Terni con il mantenimento dei livelli occupazionali e ha riaffermato la volontà di continuare il dialogo e la proficua collaborazione con la presidente Tesei, il sindaco Latini e tutte le istituzioni del territorio.

 


 

La presidente Tesei, "consapevole dell’importanza dell’Ast per l’occupazione e l’intera economia regionale e certa delle potenzialità del sito ternano", scrive ancora la Regione, si è detta "soddisfatta di quanto emerso nel corso dell’incontro, in particolare degli ingenti investimenti previsti che dovranno avere ricadute rilevanti sul territorio; ha ribadito la disponibilità - per quanto di competenza della Regione - a creare le condizioni affinché il Gruppo Arvedi possa operare al meglio in Umbria".

Dal canto suo il sindaco Latini ha valutato di grande interesse il colloquio con Giovanni Arvedi, ricordando che fin dalle prime interlocuzioni era emersa una sostanziale convergenza nel modo d’intendere il futuro delle Acciaierie nel rispetto di lavoratori, ambiente e comunità.