Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Università Umbria, patto con gli Emirati Arabi per dare forza agli atenei

  • a
  • a
  • a

Patto Umbria-Emirati Arabi per il futuro delle Atenei. Una collaborazione - sia in termini di scambi tra studenti che di ricerca - per raggiungere obiettivi comuni. L’Expo 2020 di Dubai porterà alla stesura di un memorandum of understanding che sancirà la collaborazione tra l’Università degli studi di Perugia, la Regione Umbria e l’Università di Sharjah. E’ il risultato raggiunto al termine del summit tra la governatrice Donatella Tesei, l’assessore regionale Michele Fioroni, il professor Maurizio Servili, dell’Università degli Studi di Perugia, il vice chancellor academy of affair dell’Università di Sharjah, il professor Yousef Haik e il professor Kalil ELmedani dello stesso Ateneo. A sorpresa, nel corso del vertice, è emerso che tra i due atenei ci sono numerosi elementi di interesse comuni. Tra questi, i temi legati alla ricerca sui polifenoli, i nanomateriali e il water stress, nonché la possibilità di effettuare ricerca nell’ambito del water recovery, della medicina di precisione e dei cibi. 

 

 


“Siamo una grande terra di eccellenza che viene esportata nel mondo - ha dichiarato l’assessore allo ha dichiarato l'assessore allo sviluppo economico Michele Fioroni - Siamo una destinazione premium per il turismo ma abbiamo anche una grande eccellenza in settori come la meccanica e in quest’anno stiamo cercando di sviluppare nuovi business, come i biomateriali e stiamo lavorando a un progetto sui nanomateriali e grafene”, ha spiegato Fioroni, ricordando in ogni caso il valore della regione nell’agroalimentare con prodotti quali olio, vino, e la presenza nella regione di un cluster dell'aerospazio. E abbiamo potuto parlare con la Sharjah University per un progetto di medicina e cibo personalizzato perché abbiamo un ottimo sistema universitario e di ricerca. E’ tutto integrato, ci sono forti connessioni tra tutte le nostre industrie e le nostre università”. Quella di ieri è stata una giornata importante per l’Umbria che al Padiglione Italia di Dubay era protagonista del Regional day, l’appuntamento organizzato da Sviluppumbria per mettere in mostra le eccellenze del territorio. 
“La regione ha tutte le caratteristiche per essere protagonista non solo di una economia circolare, ma per far nascere e coltivare sempre più una vera cultura della sostenibilità a tutto campo - ha spiegato nell’occasione la presidente Tesei - E’ in questo quadro che anche l’approccio produttivo può e deve avere una visione diversa rispetto al passato”. L’appuntamento principale della giornata è stato il forum “Umbria armonia ed emozioni” durante il quale con tre tavoli tematici – bellezza, innovazione, natura – sono state presentate le eccellenze della regione nei più diversi ambiti. Oltre ai rappresentanti istituzionali erano presenti anche imprenditori umbri. Per celebrare lo speciale legame tra Umbria e Dubai all’insegna dell’endurance equestre, è stato proiettato il cortometraggio “Umbria – Dubai, vent’anni di amicizia all’insegna dell’endurance”. Era presente Costanza Laliscia, campionessa internazionale di endurance equestre. 

 

 

 

 

 

La presidente Tesei ha ribadito che “l’Umbria è terra di pace e aperta al dialogo. In un momento particolare come quello che stiamo vivendo - ha aggiunto - credo che la nostra regione debba essere candidata a ospitare coloro che oggi devono necessariamente trovare un dialogo che porti a ristabilire principi sacrosanti, la pace tra gli uomini e il dialogo”. 
I temi della tolleranza e del confronto sono stati affrontati anche nell’ambito degli Italian dialogues che hanno visto protagonista l’Università per stranieri, con Sonia Giugliarelli tra i relatori dei tre dialoghi hanno coinvolto docenti, ricercatori, esperti e studenti.