Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, stacca la luce a casa della ex compagna. Arrestato un 38enne

  • a
  • a
  • a

E' fissato per lunedì 28 marzo il processo a carico dell’uomo di 38 anni arrestato a Terni dai carabinieri per aver violato il divieto di avvicinamento alla casa della ex compagna. La separazione tra i due era stata piuttosto burrascosa e la donna, una sua coetanea, si era rivolta in più di un’occasione ai militari per porre fine a quella che riteneva una vera e propria persecuzione. Sabato 26 marzo aveva telefonato al 112 per segnalare la presenza dell'ex compagno appostato vicino alla sua abitazione. Ma quando i carabinieri erano arrivati per dare un’occhiata non avevano trovato nessuno.

Nel corso della tarda serata di sabato 26 marzo, però, l’uomo si è introdotto nel cortile condominiale della palazzina dove la sua ex abita con la madre. Il 38enne sapeva come muoversi e così si è subito diretto ai contatori elettrici esterni e ha staccato la luce. Le due donne impaurite per l’improvvisa assenza di corrente hanno chiesto aiuto ai carabinieri. Che in pochi istanti sono arrivati sul posto. Il 38enne ternano era ancora all’interno del cortile condominiale quando i militari l’hanno bloccato e condotto in caserma.

Tre le ipotesi al vaglio degli inquirenti: l’uomo avrebbe staccato la corrente per introdursi in casa o per indurre la sua ex a scendere nel cortile a riattivare i contatori dove lui l’avrebbe aspettata. Ma non si esclude che si sia trattato di un atto di puro disturbo nei confronti delle due donne che abitano da sole in casa. In ogni caso i carabinieri della sezione radiomobile del comando compagnia gli hanno fatto scattare le manette ai polsi, in flagranza di reato, per inosservanza del divieto di avvicinamento alla parte offesa. All’uomo, già noto alle forze dell’ordine, era infatti vietato avvicinarsi alle due donne e ai luoghi da loro frequentati, compresa l’abitazione che si trova all’interno di una palazzina. Il magistrato di turno, informato dei fatti dai militari dell’Arma, ha disposto per l’uomo gli arresti domiciliari in attesa del processo.