Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, sono 160 gli studenti profughi dall'Ucraina accolti nelle scuole

Sabrina Busiri Vici
  • a
  • a
  • a

Oleksandr, Roman, Maxym sono tra i 160 bambini e ragazzi ucraini accolti in queste settimane nelle scuole dell’Umbria. Il Corriere dell’Umbria ha raccontato le loro storie ma molte altre ancora accompagnano l’ingresso di questi giovani e giovanissimi in una nuova vita. A fare il punto sulla situazione degli ingressi è Sergio Repetto, direttore dell’Ufficio scolastico regionale dell’Umbria: “In questo momento registriamo l’ingresso di 160 studenti ucraini nelle scuole dell’Umbria. In provincia di Perugia sono 115, ovvero il 72%, e 45, 28%, nell’area ternana”. Il direttore specifica, inoltre, che il numero di ingressi più alto è raggiunto nella scuola primaria con 70 alunni; 37 nei centri infanzia; 39 alle medie e 14 ragazzi alle superiori.

 

 


Difficile fare previsioni su quello che succederà nei prossimi giorni. Le scuole sono pronte all’accoglienza che, tra l’altro, avviene nell’immediatezza poi si compiono le procedure di regolarizzazione che seguono un iter diretto fra il singolo istituto scolastico e il Ministero attraverso una specifica piattaforma online”, riporta il direttore. In Umbria, si ricorda, è in corso un programma straordinario di accoglienza della popolazione ucraina in età scolare, prescolare e universitaria. La Regione ha attivato, infatti, misure fino a 350 mila euro a beneficio dei giovani profughi.

 

 

Nel dettaglio, si tratta di due interventi. Il primo volto all’inclusione e integrazione dei profughi in età prescolare e scolare nei servizi socioeducativi all’infanzia e nei programmi didattici delle Istituzioni scolastiche dell’Umbria, primarie e secondarie, attraverso la fornitura dei supporti didattici necessari e di quelli di carattere psicologico e per la mediazione linguistica, nonché servizi specifici per soggetti con disabilità. Il secondo rivolto ai profughi studenti universitari, con l’obiettivo di inclusione e integrazione di giovani nei percorsi dell’offerta formativa dell’Università degli studi di Perugia e dell’Università per Stranieri, nonché delle altre Istituzioni dell’istruzione terziaria equiparata al livello universitario operanti in Umbria.