Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, Anas e Regione annunciano 200 milioni di lavori nel 2022 per strade più sicure

  • a
  • a
  • a

Un investimento complessivo da oltre un miliardo di euro, 200 milioni solo nel 2022, per rendere le strade dell’Umbria più moderne e sicure. Il piano di manutenzione e riqualificazione è stato presentato ieri, nel Salone d’Onore di Palazzo Donini, dalla presidente della Regione, Donatella Tesei, dall’assessore Enrico Melasecche e per l’Anas, dal responsabile per l’Umbria, Lamberto Nicola Nibbi e da Andrea Primicerio, al vertice della gestione della rete regionale. “I molti cantieri aperti stanno trasformando in maniera importante la viabilità dell’Umbria assicurando sempre più sicurezza e sostenibilità di tutte le infrastrutture stradali - ha spiegato la presidente Tesei - Siamo consapevoli che questa notevole mole di lavori può causare disagi alla circolazione, ma anche su questo versante, insieme ad Anas, stiamo cercando di ridurre al minimo le difficoltà per gli automobilisti”. Nibbi ha parlato di un “piano di investimenti senza precedenti” che sta consentendo di rimettere completamente a nuovo gli 808 chilometri di strade gestiti da Anas nel territorio.

 

 

 

“La conoscenza dei problemi e dei risultati conseguiti in poco tempo – ha evidenziato Melasecche - aiuta gli automobilisti a sopportare qualche sacrificio sapendo che il miglioramento della rete statale, con standard autostradali, è certo e soprattutto, grazie alle tecniche della fresatura profonda è molto ma molto più duraturo nel tempo per cui da qui a due anni i cantieri saranno molto meno frequenti. Inoltre l’adozione delle nuove barriere spartitraffico brevettate darà una sicurezza notevolmente superiore, come dimostrano i crash test eseguiti”. A spiegare, nel dettaglio, gli interventi previsti per il 2022 e il relativo cronoprogramma è stato l’ingegnere Primicerio che ha puntato l’attenzione anche sul progetto Smart road avviato sulla E45, l’infrastruttura tecnologica abilitante per lo sviluppo della Smart mobility e propedeutica ai futuri scenari di guida autonoma dei veicoli. Avviati i lavori per la realizzazione dei primi 40 km in Altotevere e per la prima green island nei pressi della piastra logistica.

 

 

 

 

La mappa degli interventi
Nel 2022, solo sulla E45, è prevista l’attuazione di circa 90 milioni di interventi per i quali saranno attivati mediamente dodici cantieri sui 163 chilometri di itinerario che interesseranno prevalentemente l’Altotevere tra Umbertide e San Giustino e il tratto ternano tra Terni e Orte. A oggi, lungo tutto l’itinerario E45, è stato ultimato il risanamento profondo della pavimentazione su oltre 220 km di carreggiata sui 326 totali. L’ammodernamento degli impianti tecnologici in galleria è ultimato sul 100% delle gallerie previste, prosegue anche la realizzazione del nuovo spartitraffico centrale, completata su 35 km dei 163 totali. Sul fronte del risanamento strutturale di ponti e viadotti, sono stati ultimati quattro interventi ed è previsto il completamento di altri cinque nel corso del 2022.
Per quanto riguarda la Flaminia, tra Terni e Foligno sono previsti nel corso dell’anno venti interventi per un investimento da 60 milioni di euro. Nel tratto Terni-Spoleto saranno avviati lavori di risanamento strutturale di cinque viadotti e i primi quattro interventi di potenziamento dell’itinerario, previsto anche l’avvio dei lavori di riqualificazione dello svincolo di San Carlo, a Terni. Nel tratto tra Spoleto e Foligno proseguiranno invece i lavori di risanamento della pavimentazione.

 

 

 

 

 

Sul raccordo Perugia-Bettolle, dopo gli interventi eseguiti sul tratto di Perugia, i cantieri interesseranno il tratto da Corciano al Trasimeno, proseguendo l’opera di risanamento della pavimentazione. Il rifacimento del piano viabile proseguirà anche sulla statale 75 Centrale Umbria interessando il tratto compreso tra Rivotorto e Spello, in prosecuzione dei lavori già avviati.
L’assessore Melasecche ha anche annunciato che per quanto riguarda le ex strade regionali gestite dalle Province di Perugia e Terni si sta andando verso una definizione del contenzioso: “Ci saranno risultati positivi anche per queste arterie”, ha annunciato.