Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, l'edicolante di via Fani: “Qui da dieci anni, non ho mai pensato di cambiare lavoro”

Sabrina Busiri Vici
  • a
  • a
  • a

L’edicola di Stefano Spontina, a Perugia, ha una posizione di assoluto privilegio in città: si trova di fronte a palazzo dei Priori. Da lì Stefano si gode il viavai del Comune. Un punto di osservazione, insomma, nel cuore della città. “Sono dieci anni che ho acquisito la rivendita dei giornali, fra via Fani e corso Vannucci, e nonostante le difficoltà legate alla pandemia e al lockdown di questi ultimi due anni non ho mai pensato di cambiare lavoro. Mi piace stare qui e fare l’edicolante”. Per Spontina le vendite dei giornali sono andate assottigliandosi negli anni ma il “turismo aiuta molto. E poi ci sono le buste-gioco sorpresa per i più piccoli che sono molto richieste”, dice.

 

 

Stefano ha 34 anni e ha iniziato a lavorare nell’edicola insieme al fratello ma da qualche tempo è lui ad occuparsene in prima persona: “Mio fratello ora è impegnato anche in un’altra attività”. La sua giornata è scandita da clienti abituali, “tutti residenti in centro storico, tutti di età sopra i 50 anni”. E a tenergli compagnia ci sono anche i personaggi tipici dell’acropoli. Ne ricorda uno in particolare: “Valerio, lui e la sua musica mi hanno tenuto compagnia per anni. E nonostante strimpellasse tutto il giorno le sue canzoni davanti all’ingresso di palazzo dei Priori, ora che non c’è più mi manca perché era parte integrante di questa città, di corso Vannucci, con la sua simpatia straordinaria”.

 

 

Anche Spontina è favorevole al progetto inserito in Perugia smart city di implementare l’attività delle edicole trasformandole in infopoint e mini uffici per il rilascio di certificati. “Penso che sia un servizio in più, molto utile ai nostri clienti. Se mi chiedessero di aderire lo farei ma vorrei saperne di più fin da subito”.