Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gualdo Tadino, riapre il cinema Don Bosco: oggi spettacolo gratis

  • a
  • a
  • a

Riapre il cinema teatro Don Bosco di Gualdo Tadino. Oggi, domenica 20 marzo alle 17 con la proiezione di un classico come West Side Story, a ingresso gratuito, riapre lo storico cinema gualdese dopo i lavori che hanno interessato gli spazi dell’edificio salesiano che comprende anche il cinema-teatro. Un intervento realizzato con i fondi della ristrutturazione post sisma e seguiti dall’associazione Educare alla vita buona, che da quando i salesiani hanno lasciato la città, gestiscono gli spazi dell’oratorio. Lavori, progettati dagli ingegneri Luca Fiorucci e Gabriele Capoccia, previsti per nove mesi. E’ stata l’associazione, presieduta da Umberto Balloni a seguire gli interventi che hanno interessato tutta la struttura. I lavori sono già stati eseguiti nella parte di oratorio che si trova nell’edificio del cinema-teatro. Nello specifico, è stato previsto il rifacimento dei pavimenti, con il rinforzo dei solai e la riqualificazione energetica con la sostituzione degli infissi del primo e del secondo piano. Per quanto riguarda il cinema-teatro non erano previsti interventi diretti, ma è stato ristrutturato lo spazio della chiesa interna. L’associazione ha valutato l’ipotesi di un ampliamento dei camerini del teatro.

 

 

La complessità dell’intervento è relativa alla parte dell’edificio dell’oratorio, che ha ospitato anche le scuole, e che è partito in questi giorni. Qui sarà attivato anche un intervento di consolidamento dei solai. Educare alla vita buona prevede anche la divisione dei saloni attraverso pareti mobili che permetteranno di avere una struttura multifunzionale che possa essere utilizzata per attività diverse. Previsti anche interventi sull’impiantistica, con tanto di fotovoltaico per produrre energia.

 

 

Lavori che rendono necessari reperire altri spazi per l’oratorio. Il presidente Balloni spiega che sono in corso incontri con i salesiani, che gestiscono ancora gli spazi del Verde soggiorno, per spostare l’oratorio al primo piano di quella struttura. Questo dovrebbe consentire di tenere aperto il servizio. Il tutto con la speranza di riaprire quanto prima gli spazi dell’oratorio che ospitano numerose associazioni cittadine.