Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, caro prezzi benzina e gasolio: la Procura indaga su possibili speculazioni

  • a
  • a
  • a

Per ora non ci sono ipotesi di reato né indagati, ma la Procura della Repubblica di Perugia, guidata da Raffaele Cantone, ha aperto un fascicolo per accertamenti preliminari sui recenti aumenti stratosferici del costo dei carburanti. Il fascicolo è stato avviato dopo l'esposto presentato da parte del Codacons. A effettuare le verifiche saranno gli agenti di polizia economico finanziaria della Guardia di finanza del capoluogo umbro. In un comunicato, la Procura spiega che l'azione serve "per accertare quanto rappresentato" dall'associazione dei consumatori e "conseguentemente verificare se nei fatti denunciati possano configurarsi specifiche ipotesi di reato". Il Codacons si è rivolto a numerosi Uffici giudiziari per segnalare gli aumenti dei prezzi dei carburanti al dettaglio che a suo avviso sono ritenuti "ingiustificati e frutto di manovre speculative".

In Umbria vengono quindi avviate le verifiche da parte degli uomini delle fiamme gialle. Secondo il Codacons il rischio è che "i rincari dei prezzi alla pompa possano essere stati dopati da fenomeni speculativi tesi a sfruttare la delicata situazione" che si è venuta a verificare dopo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia. Fenomeno speculativo per "incrementare i guadagni a danno di consumatori e imprese". Per questo motivo l'associazione dei consumatori ha presentato l'esposto all’Antitrust e alle procure della Repubblica dell’Umbria, chiedendo "di aprire indagini e accertare eventuali speculazioni e illeciti sul territorio regionale, alla luce delle possibili fattispecie di truffa aggravata, aggiotaggio e manovre speculative su merci".

Sempre secondo il Codacons le parti offese sarebbero i cittadini residenti nella provincia di Perugia che possono "costituirsi parte offesa nella indagine della Procura e chiedere un risarcimento danni nel caso in cui la magistratura dovesse accertare illeciti". Il presidente nazionale Carlo Rienzi ha spiegato che "nei prossimi giorni sarà disponibile sul sito del Codacons una apposita pagina dove scaricare i moduli utili" per costituirsi parte offesa.