Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, restaurate con l'Art bonus tre storiche vetrate di palazzo dei Priori

  • a
  • a
  • a

Si è concluso  il ciclo di rimontaggio delle tre vetrate storiche della sala dei Notari di palazzo dei Priori, a Perugia, restaurate grazie alla generosità del notaio Mario Briganti nell’ambito del progetto Art Bonus. L’intervento da 50mila euro, sotto la direzione del Comune di Perugia, è stato curato dall’azienda Estia di Bastia Umbria, specializzata nel restauro di opere d’arte, vincitrice dell’appalto, che ha affidato la riqualificazione delle parti a vetro alla ditta fiorentina Guido Polloni.

 

 

“Siamo partiti circa un anno fa con l’elaborazione del progetto poi approvato dalla Soprintendenza. Lo stato di conservazione delle tre trifore ottocentesche, di cui due affacciate su piazza IV Novembre e una su corso Vannucci, era pessimo - ha spiegato la restauratrice di Estia, Nadia Cavallucci - In particolare, “i vetri erano in parte rotti o mancanti e i piombi contenenti i rulli non svolgevano più la loro funzione strutturale. La parte vitrea è stata smontata e portata nel laboratorio Polloni a Firenze. Estia si è occupata della parte metallica e degli infissi, restaurati in loco”.
“Il notaio Briganti ci ha purtroppo lasciati la scorsa estate e ci dispiace non possa apprezzare il risultato della sua iniziativa – ha notato la consigliera del Comune di Perugia delegata all’Art Bonus, Fotinì Giustozzi –. L’illuminazione di una sala unica come quella dei Notari ne ha molto guadagnato e invitiamo quindi i perugini a dare ancora il loro contributo. Ci sono altre otto vetrate storiche da restaurare. Quindi speriamo di ricominciare a breve le operazioni di smontaggio”.
“Per la prima volta si mette mano a un restauro radicale e profondo delle strutture metalliche e alla sostituzione e integrazione dei vetri danneggiati. L’esito è sotto gli occhi di tutti - ha detto l'architetto Stefano Barcaccia, responsabile tecnico Art Bonus del Comune di Perugia ,-La policromia di queste vetrate aggiunge un fascino particolare alle decorazioni pittoriche della sala”.  

 

 

Ad oggi, nell’ambito del Progetto Art Bonus, sono stati finanziati interventi per un totale di 2.024.999 milioni relativi a 30 beni, di cui 23 restaurati e tre in lavorazione, grazie a 523 mecenati.
Intanto, c’è ancora tempo fino al 20 marzo per sostenere la candidatura della Peschiera presso la biblioteca San Matteo degli Armeni al concorso nazionale Progetto ArtBonus dell’anno. Questo il link per votare: https://artbonus.gov.it/peschiera-presso-biblioteca-san-matteo-degli-armeni-restauro.html