Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Spoleto, minaccia di morte l'ex moglie e perseguita la figlia: divieto di avvicinamento per un 54enne

  • a
  • a
  • a

Minaccia di morte la ex moglie e perseguita la figlia: scatta il divieto di avvicinamento per un 54enne di Spoleto, in provincia di Perugia. L'uomo, secondo quanto ha riferito la donna, non era stato in grado di superare la separazione e la fine del matrimonio. Così avrebbe iniziato a perseguitare sia lei che la figlia. In alcune circostanze, si è anche intrufolato di notte nell'abitazione delle due. E nell'ultimo episodio, avrebbe minacciato la donna con un coltello: solo le urla della figlia e l'arrivo di un vicino lo hanno messo in fuga. 

 

 

Ma l'uomo non si sarebbe fermato qui: al contrario, avrebbe iniziato a perseguitare anche la figlia, insultandola e seguendola quotidianamente in macchina durante i suoi spostamenti. Comportamenti che alla fine hanno portato la ex moglie ha sporgere formale denuncia, sopraffatta dalle condotte intimidatorie reiteratamente subite. Dalle informazioni successivamente acquisite dai poliziotti del commissariato di Spoleto è emersa una storia di soprusi, violenza e sofferenze fisiche e morali che hanno provocato, nel corso del tempo, un perdurante stato di ansia e paura nei confronti dell’ex coniuge e della figlia.

 

 

Grazie all’attività intrapresa degli agenti e dalle informazioni da questi raccolte, è stato dunque ricostruito un quadro indiziario sulla base del quale il gip presso il tribunale di Spoleto, nei giorni scorsi, ha emesso un’ordinanza cautelare nei confronti dell’indagato. In particolare, il 54enne da oggi, martedì 15 marzo, non potrà più avvicinarsi alla ex moglie e alla figlia e non potrà contattarle in alcun modo, né direttamente né per interposta persona. L’uomo, fanno sapere i militari, è comunque da considerarsi innocente fino all’eventuale sentenza di condanna definitiva.