Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Tesei e Giani insieme per Medioetruria: “Incontro al ministero e commissione”

Esplora:

Fra. Mar.
  • a
  • a
  • a

Asse Tesei Giani per saldare l’alleanza delle Regioni del centro Italia. Al centro del vertice che si è tenuto ieri mattina a Palazzo Donini tra la governatrice umbra e il presidente della Regione Toscana, non poteva che esserci il nodo infrastrutture. E il primo banco di prova, su cui i due governatori proveranno a passare velocemente dalle parole ai fatti è la stazione Medioetruria. Dal confronto di ieri è infatti emersa la volontà condivisa di chiedere subito un incontro al ministro dei Trasporti, Enrico Giovannini, per sollecitare la realizzazione della stazione dell’alta velocità di cui si parla da anni. I collegamenti da migliorare sono stati al centro dell’incontro, a cui hanno partecipato anche gli assessori regionali alle infrastrutture, Enrico Melasecche per l’Umbria e Stefano Baccelli per la Toscana. Collegamenti senza i quali lo sviluppo, economico, culturale e turistico, che i governatori immaginano anche in chiave condivisa, sarebbe molto più complicato

 


E dunque, per quanto riguarda la stazione Medioetruria, che fino ad ora più che un progetto è sembrata una chimera, si partirà con l’incontro al ministero. Intanto per avere l’ok sull’opera. Poi sul luogo in cui verrà realizzata, in passato argomento foriero di polemiche e protagonismi, Giani dice: “Sarà opportuno creare un tavolo di lavoro per individuarlo”. Una “commissione governativa - recita la nota stampa ufficiale condivisa dai due governatori - per individuare la migliore soluzione tecnica, infrastrutturale e ambientale da discutere poi con tutti gli attori coinvolti nel progetto”. Progetto che deve concretizzarsi in coerenza con l’obiettivo di collegare Roma e Milano in meno di tre ore e con l’indispensabile piano di velocizzazione della linea ferroviaria Foligno, Perugia, Terontola riguardo il quale l’assessore Melasecche ha annunciato novità. Ma non solo alta velocità. Giani, accennando alla questione della galleria della Guinza tra Città di Castello e Urbino rimasta incompiuta e la E78, parla del fatto che il “collegamento orizzontale in Italia risente molto di progetti che poi non sono andati avanti fino in fondo”. Annunciata una interlocuzione con Anas per il completamento dell’opera. 

 

 

“Quello di oggi - dice Tesei - è un incontro sicuramente molto importante sia sul piano delle infrastrutture ma anche su quello dello sviluppo economico dei nostri territori, molto simili e molto vicini perché io credo che dialogare nell'interesse delle rispettive comunità significa fare squadra e noi già con questo incontro lo stiamo dimostrando. E allargare queste sinergie con le altre Regioni dell'Italia centrale, come stiamo facendo, sarà sicuramente importante”. Dello stesso avviso Giani che parla di “necessità anche di avere, nel momento in cui si rivendica ad esempio una presenza nei finanziamenti nazionali come nel Pnrr, una capacità contrattuale più forte da parte del Centro Italia”. “Non si può parlare solo di Nord e Sud - concorda Tesei - ma anche dell'Italia centrale che svolge un ruolo fondamentale perché è la cerniera di questo Paese". Regioni simili Umbria e Toscana in cui, secondo Giani, “si potrebbe lavorare moltissimo nel creare dei pacchetti e delle offerte anche a livello internazionale, per dare il senso di quanto questo territorio sia ricco e importante”.