Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, un furto a settimana nel comune di Marsciano: progetto per la videosorveglianza

Massimo Fraolo
  • a
  • a
  • a

Nel comune di Marsciano, in provincia di Perugia, ogni settimana almeno un furto. In tutto il territorio, da ottobre 2021 a gennaio, non sono trascorsi più di sette giorni privi di segnalazioni o denunce di furti o tentativi di furto. Tra le attività che di recente hanno impegnato i carabinieri di Marsciano anche truffe di vario tipo: da quella dell’asfalto, fino alle finte attività di vendita on-line, con relativa sottrazione di denaro. Sono stati tre mesi terribili quelli che hanno chiuso il 2021, per la frequenza di colpi registrati nelle abitazioni in molte frazioni e nel capoluogo. Ma anche febbraio ha fatto registrare altre denunce: a San Valentino della Collina, San Biagio della Valle e da ultimo nel capoluogo. Due i colpi messi a segno non più di dieci giorni fa nel quartiere di Via Larga. In un’occasione è stata aperta la cassaforte e prelevati oro e contanti. Il territorio interessato arriva fino al limitrofo comune di Fratta Todina. E ora si corre ai ripari.

Proprio il sindaco del comune frattigiano, Gianluca Coata, annuncia l’imminente firma di un protocollo con la Prefettura e che l’amministrazione ha deciso “di procedere autonomamente alla progettazione di un sistema di videosorveglianza”. Il territorio era stato colpito da diversi episodi in particolare nel periodo a ridosso del Natale. Altre segnalazioni sono arrivate poi anche all’inizio del 2022 e già in quella fase lo stesso primo cittadino si era confrontato con le forze dell’ordine. L’organico dei carabinieri di Monte Castello di Vibio è già stato potenziato e da settimane è iniziata un’attività di sorveglianza notturna. Lo stesso Coata, in occasione degli episodi segnalati, in particolare in una zona di campagna nella frazione di Pontecane e proprio al confine con Marsciano, aveva parlato di volontà di chiamare a raccolta le altre istituzioni locali, insieme alle forze dell’ordine. “Dal 2020 l’amministrazione sta lavorando ad un progetto intercomunale – spiega il sindaco – per la realizzazione di un impianto di videosorveglianza e al protocollo d'intesa con la Prefettura. La progettazione sarà però eseguita in proprio, poiché il vicino comune di Monte Castello di Vibio ha deciso di non aderire”.

Il progetto per l’acquisizione dei fondi necessari, che ammontano a circa 20 mila euro, sarà presentato al ministero dell’Interno dopo la pubblicazione del bando che avverrà a dicembre 2022. In concomitanza, il Comune sottoscriverà il protocollo d’intesa con la Prefettura di Perugia. “I furti avvenuti nel nostro territorio – prosegue la nota – sono stati sei a dicembre e uno a gennaio e sottolineo che la percentuale degli episodi, a Fratta Todina, è molto inferiore a quella registrata a Todi e Marsciano. Lo scorso 26 dicembre ho accolto l’invito dei cittadini residenti e dei comuni confinanti con il nostro, che preoccupati per la situazione si sono riuniti in località Astancolle, in presenza anche di un’emittente televisiva regionale, per discutere riguardo alla prevenzione degli atti delinquenziali. Un confronto costruttivo e senza alcuna forma di protesta, nel quale si è discusso di soluzioni per la sorveglianza del territorio. I cittadini colpiti hanno anche fornito alle forze dell’ordine elementi importanti sulle modalità con cui sono stati eseguite le azioni, come lo spostamento dei malviventi effettuato di notte a piedi per le campagne. E in collaborazione con le forze dell’ordine locali e il prefetto, sono state messe in campo ulteriori misure, come l’intensificazione dei turni di sorveglianza diurna e notturna”.