Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, arrestati con la droga nascosta in auto. Uno era positivo al Covid

  • a
  • a
  • a

Poco meno di quattro chilogrammi di marijuana sequestrati, diverse dosi di cocaina recuperate e tre arresti in flagrante di altrettanti albanesi: è questo il bilancio di un’operazione condotta dai carabinieri della sezione operativa della compagnia di Terni. In manette sono finiti il 21enne G.B., P.P. di 27, e K.B., di 33. Sono tutti incensurati e, tranne il 21enne, senza lavoro. Il più giovane dei tre è anche risultato positivo al Covid. Gli arresti sono scattati, fra Narni e Roma.

I tre immigrati, che inizialmente si erano visti applicare gli arresti domiciliari, sono stati poi trasferiti nel carcere di Terni anche in ragione del fatto che non hanno rispettato la misura. Hanno infatti lasciato l’abitazione narnese del 21enne, configurando così il reato di evasione, ma i militari dell’Arma li hanno rintracciati in breve tempo e nuovamente arrestati, nella tarda mattinata di sabato, all’interno di un altro appartamento sempre nella zona di Narni. Il 21enne è stato pedinato dagli investigatori dell’Arma nella serata di venerdì scorso, da quando è uscito dalla sua abitazione. Al volante della propria auto, una Fiat Bravo, ha raggiunto Roma, in particolare la stazione ferroviaria Tiburtina, per poi caricare a bordo gli altri due giovani che avevano con sè un borsone scuro. 

Poi i tre sono ripartiti alla volta dell’Umbria, ma allo svincolo di Narni-Capitone c’era una pattuglia dell’Arma ad attenderli. Dall’alt alla perquisizione, il passo è stato breve: gli uomini a bordo della vettura si sono mostrati piuttosto nervosi e infatti nel borsone, adagiato su uno dei sedili posteriori del veicolo, c’erano circa 3,7 chilogrammi di marijuana suddivisi in sette pacchi, mentre a casa del 21enne sono stati trovati anche 18 grammi di cocaina sotto forma di 27 involucri pronti per essere spacciati, materiale per confezionare le dosi, un bilancino di precisione e 320 euro in contanti. Per tutti è così scattato l’arresto su disposizione del pm Marco Stramaglia, confermato dopo la fuga scoperta dai carabinieri.