Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, Chiara, 7 anni, scrive a Putin: "Presidente, ferma la guerra"

  • a
  • a
  • a

Putin, per favore, fai fermare la guerra”. E’ l’incipit della letterina che una bimba spoletina ha voluto scrivere al presidente russo in questi giorni in cui i bombardamenti l’hanno fatta da padrone in terra d’Ucraina. Sì, perché c’è chi scrive a Babbo Natale e chi alla Befana per chiedere questo o quel dono. Lei, Chiara, invece, una bambina di appena 7 anni che abita con i genitori e i nonni nella frazione di Beroide, ha deciso di spedire una sua personale letterina per tutt’altro fine, contribuire a far sì che a breve venga dichiarato il cessate il fuoco in terra di Ucraina.

 

 

 

Un fine quanto mai nobile che dimostra quanto i bambini, a volte, dimostrino una sensibilità molto più spiccata verso la sofferenza altrui. Una sensibilità che, forse, hanno sviluppato in maniera ancor più forte in questi due anni in cui la pandemia li ha costretti a vivere di privazioni legate alla loro libertà personale. Chiara, dunque, ha preso carta e penna e, di getto, ha messo nero su bianco la sua personale “supplica” al presidente Putin. Ma come è nata questa sua decisione? La bimba, che frequenta la seconda classe della scuola di Beroide (adesso dislocata a San Venanzo in attesa del restauro del plesso della frazione spoletina), sentendo i genitori e i nonni dell’attacco armato della Russia verso l’Ucraina, ha deciso di improvvisarsi ambasciatrice di pace. A modo suo, naturalmente.

 

 

 

 

“Non vorrei che scoppia la terza guerra mondiale – è scritto, tra le altre cose, nella lettera di Chiara a Putin– ti immagini se il tuo Paese fosse in miseria? Che si sentono i botti da tutte le parti? E’ quello che sta soffrendo l’Ucraina. Se farai smettere la guerra, noi ti ringrazieremo moltissimo. Chiara”. Ma non è tutto. Nel momento in cui i genitori le hanno fatto presente che il presidente Putin parla un’altra lingua, lei non ha avuto dubbi nel rispondere: “Ma tanto il presidente ha il traduttore”. Ha poi messo la lettera in una busta e scritto sopra “Chiara per Putin”.