Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, minorenne suicida, psichiatra condannato dalla Corte dei Conti

Antonio Mosca
  • a
  • a
  • a

La Corte dei Conti ha condannato un medico a pagare 133.438 euro all’Azienda Usl Umbria 2 (nella foto), oltre agli interessi e alle spese legali. I fatti risalgono al 13 gennaio del 2007 quando a Terni una minorenne si suicidò, lanciandosi dal tredicesimo piano di un grattacielo. Due giorni prima la ragazzina era stata ricoverata al pronto soccorso del Santa Maria per un’eccessiva assunzione di psicofarmaci. Cosa che le aveva procurato uno stato soporoso, come certificato dallo stesso medico dipendente dell’allora Asl 4 che aveva svolto una consulenza psichiatrica.

Quest’ultimo, però, dopo aver visitato la paziente aveva rilevato che “l’atto non aveva avuto una valenza dimostrativa” e di conseguenza aveva omesso di “segnalare la necessità di una successiva diagnosi più approfondita o di avviare un percorso di controllo guidato della minore, con ciò - si legge nella sentenza - agevolando le dimissioni non protette della paziente stessa alla quale veniva consigliato solo un periodo di osservazione medica”. La ragazza quindi tornava a casa invece di essere sottoposta ad ulteriori esami e valutazioni psichiatriche e di lì a poco si sarebbe tolta la vita. La Corte dei Conti ha ravvisato che “a causa della condotta del medico, l’Azienda sanitaria locale è stata costretta ad un notevole esborso economico” visto che dopo il tragico evento fu avviato un procedimento in sede penale e civile da parte dei legali della famiglia della ragazza.

Da qui il danno erariale indiretto alla finanza pubblica, poi quantificato dai giudici nella cifra richiesta al sanitario. Lo psichiatra, dipendente dell'Usl, era difeso dagli avvocati Marco Bonamici e Grisante Diofebi. Il collegio, composto dal presidente Floreani e dai consiglieri Di Giulio e Fava, nella pubblica udienza ha però ritenuto che “la documentazione prodotta dalla Procura regionale sia idonea a fornire la prova delle condotte addebitate al convenuto". E la decisione della Corte è stata avvalorata anche dalle consulenze eseguite.