Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Francesca Tardioli, il dolore dell'ambasciata in Nicaragua: "Piangiamo per averti persa. Ci accompagnerà il tuo sorriso"

  • a
  • a
  • a

Continuano a essere espressi pubblicamente messaggi di dolore per la morte di Francesca Tardioli, ambasciatrice dell'Italia in Australia, morta nella sua abitazione di Foligno dopo essere precipitata dal balcone. Anche l'ambasciata italiana in Nicaragua ricorda la diplomatica e lo fa attraverso Twitter dove posta un messaggio molto affettuoso nei confronti di Tardioli: "Ciao Francesca, grande amica e collega. Abbiamo condiviso due esperienze all'estero, alcuni momenti difficili, altri molto belli. Resterai con noi, ci accompagnerà il tuo sorriso, il tuo entusiasmo e la tua forza. Piangiamo oggi per averti persa, ma ringraziamo di averti avuta". Parole molto toccanti nei confronti di una donna che ha palesemente lasciato il segno in maniera positiva nel corso della sua vita e di una carriera da incorniciare.

Nella giornata di domenica 20 febbraio sono stati centinaia i messaggi di cordoglio. Tra i tanti quello di Marco Di Maio vice presidente del gruppo di Italia Viva alla Camera dei deputati: "Sgomento per la prematura scomparsa dell’ambasciatrice d’Italia in Australia, Francesca Tardioli. Condoglianze alla sua famiglia, ai collaboratori, a chi le ha voluto bene. Chi ha avuto la fortuna di conoscerla ne conserverà sempre un ricordo positivo".

Dolore è stato espresso anche da Nicola Carè, deputato del Partito Democratico, eletto all'estero e residente in Australia, dove Francesca Tardioli svolgeva il suo incarico: "Una grande servitrice dello Stato. Una presenza instancabile, professionale, sempre sorridente e accogliente. Con il cuore la ringraziamo per il tempo prezioso che ci ha dedicato, per la professionalità, le competenze rese al servizio del territorio e per l’entusiasmo che sarà sempre, per noi, motivo di crescita. Esprimo cordoglio e mi unisco al dolore della famiglia per la scomparsa prematura di Francesca Tardioli, in carica dal 2019 nella sede diplomatica di Canberra che ha perso la vita a 56 anni mentre stava trascorrendo le ferie nel suo paese d'origine. Una tragedia".