Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Famiglia rientra in casa e trova i ladri. I malviventi fuggono con un ricco bottino

Massimo Fraolo
  • a
  • a
  • a

A Marsciano, in provincia di Perugia, una famiglia esce di casa poco prima delle 20, vi fa ritorno dopo meno di due ore e trova i ladri all’interno. E’ successo in una traversa di via Orvietana, nel quartiere di Via Larga e il bottino dei malviventi, che sono riusciti a fuggire nei campi circostanti facendo perdere le proprie tracce, è ingente. Soprattutto oro e contanti, prelevati dalla cassaforte, aperta e svuotata. Rubato anche un orologio di valore. L’accesso all’abitazione è avvenuto dalla parte posteriore dell’edificio, che si trova vicino ad altre case, in un’area di campagna a ridosso della strada statale 317, al confine con il comune di San Venanzo. I ladri, che erano almeno in due, ma è probabile che ci siano altri individui coinvolti nell’azione oltre a quelli che sono riusciti ad accedere all’interno dell'immobile, hanno utilizzato una scala per salire al terrazzo superiore.

Da lì, dopo aver forzato una finestra, sono entrati e hanno messo a segno il furto. La casa è stata completamente devastata: cassetti sfilati via e messi sottosopra per poi essere utilizzati anche come scalini per accedere alle parti più alte dei vari mobili. Oggetti tirati via da scaffali e armadi e buttati in terra e caos ovunque. Ma il colpo è stato mirato perché l’obiettivo era la cassaforte, aperta presumibilmente con arnesi da scasso non comuni. Un’azione che anche sulla base della ricostruzione, fornita ai carabinieri, delle fasi che hanno preceduto il rientro a casa della famiglia, non sembra certo essere frutto di improvvisazione. Il periodo di assenza dei proprietari si colloca nella fascia oraria che va dalle 19.50 alle 21.45. Ad allarmarli, al loro rientro, sono stati i segni di scasso subito notati sulla porta al piano terra.

Non è da lì però che sono entrati. E’ stato uno dei familiari, dopo aver individuato una finestra forzata, a sentire dei rumori che provenivano dal piano superiore e a intravedere il movimento di due sagome che si allontanavano, tentando invano anche una sorta di inseguimento a piedi. L’intervento dei carabinieri è stato quasi immediato, perché al momento della chiamata una pattuglia dei militari si trovava in una zona limitrofa per un’altra segnalazione. I segni del furto erano già ben visibili appena varcata la porta dell’appartamento al primo piano, ma l’amara conferma, anche del bottino, si è avuta una volta raggiunte le camere. Sul posto i militari di Marsciano e Todi, che hanno perlustrato la zona circostante, anche con i cani e individuato elementi che potrebbero essere utili alle indagini. Una delle possibili vie di fuga potrebbe essere stata la strada sterrata adiacente al caseggiato. La serie di furti che Marsciano sta subendo negli ultimi mesi è impressionante. Nell’ultima settimana sono state colpite le frazioni di Compignano e Mercatello, oltre a San Valentino della Collina. Una segnalazione c’è stata anche ad Olmeto e nelle ore che hanno preceduto il furto di Marsciano anche un altro tentativo non lontano dalla stessa Via Orvietana. Negli ultimi mesi si tratta del terzo colpo nel quale i malviventi sono riusciti ad arrivare alla cassaforte. Era già successo in via Poerio e a Papiano.