Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, i nuovi casi sono 28.630. Ancora 281 morti. Tasso al 10.1%

  • a
  • a
  • a

Sono 28.630 i nuovi casi di Covid 19 ufficializzati nel bollettino diramato oggi, lunedì 14 febbraio, dal ministero della Salute. Si registrano altri 281 decessi. I dati sono relativi alla giornata di domenica e quindi determinati da un basso numero di tamponi. Ne sono stati esaminati nel complesso 283.891 e il tasso di positività è leggermente superiore al 10%, per l'esattezza il 10.1%. Nelle statistiche di domenica (quindi relative al sabato) i positivi erano stati 51.959, mentre 191 le vittime. Le guarigioni certificate oggi sono 76.553, di conseguenza scende ancora il numero degli attualmente positivi: -48.058 unità per un totale di un milione 590.615.

 

Se la flessione della curva pandemica continuerà su questi ritmi, nel giro di un paio di giorni gli attualmente positivi saranno meno di un milione e mezzo e presto sotto al milione. Capitolo ricoveri. Nei reparti ordinari i pazienti attualmente sono 16.050, mentre in terapia intensiva 1.173, rispettivamente 10 e 17 in meno rispetto al precedente bollettino. Occorre considerare che i nuovi ingressi nelle terapie intensive sono stati 63. Dall'inizio della pandemia, a superare il virus nel complesso sono state 10 milioni 392.540 di persone. Non ce l'hanno fatta in 151.296, numero delle vittime complessive.

I casi totali da inizio pandemia risultano 12 milioni 134.451. In isolamento domiciliare, attualmente, un milione 573.392 persone. Il Lazio è la prima regione per numero di contagi (3.659), seguita da Campania (3.035) ed Emilia Romagna (2.695). La curva, dunque, nel complesso continua a scendere anche se come ogni settimana, i dati più importanti saranno soprattutto quelli che verranno ufficializzati da martedì a venerdì. Secondo le rilevazioni di Agenas, la percentuale di posti letto in terapia intensiva occupati da pazienti con Covid 19 nel complesso diminuisce al 12%. Resta stabile al 25%, invece, quella dei reparti di area medica, una percentuale, però, che è in crescita in 8 regioni.