Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, aggredisce poliziotto in ospedale: condannato a un anno

Esplora:
La vicenda è finita in tribunale a Perugia

Fra. Mar.
  • a
  • a
  • a

Un anno di reclusione con pena sospesa. E’ questa la sentenza di condanna emessa ieri dal giudice, Giuseppe Narducci, nei confronti di un 26enne di origine brasiliana che un paio di settimane fa era stato arrestato da un agente della polizia di Stato in servizio presso il posto fisso del Santa Maria della Misericordia. Secondo quanto emerso, il sudamericano aveva provato a colpire con un paio di forbici (da sarto) il sovrintendente del posto fisso.  

 

 

 

 

 

 

 

Quella mattina i vigilantes dell'agenzia privata avevano segnalato all'agente di polizia che c'erano due persone sospette, che si aggiravano nella zona del reparto di gastroenterologia. Il poliziotto era dunque intervenuto e aveva chiesto loro i documenti. All'inizio non volevano fornirglieli, poi la ragazza aveva tirato fuori quello del ragazzo e glielo aveva dato. Il giovane aveva provato a riprenderselo con forza, senza riuscirci. Entrambi quindi erano stati portati negli uffici del posto fisso. Il sovrintendente, temendo che il ragazzo potesse nascondere qualcosa aveva provato a perquisirlo ma non ci era riuscito perché era stato spinto contro il muro. Era stato a quel punto che il brasiliano aveva estratto le forbici dalla tasca. Fortunatamente il poliziotto era riuscito a disarmarlo.

 

 

 

Ma non era finita lì. Il ragazzo aveva infatti trascinato l'agente fuori dagli uffici di polizia per guadagnarsi la fuga. Solo con l'intervento di un secondo agente, presente in quel momento in ospedale per motivi personali, non era accaduto niente di peggio e il giovane non era scappato. Subito dopo l’arresto, il giudice, Giuseppe Narducci aveva convalidato il provvedimento disponendo per lui gli arresti domiciliari. L'imputato, con diversi precedenti, era assistito dall'avvocato, Francesca Pasquino.