Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni in festa per il patrono San Valentino con il nuovo vescovo Soddu

  • a
  • a
  • a

La Diocesi celebra solennemente la festa del santo patrono, Valentino, primo vescovo di Terni e patrono principale della. Il programma e le iniziative promosse per celebrare il santo patrono di Terni sono state presentate lunedì 7 febbraio da monsignor Francesco Antonio Soddu, vescovo di Terni-Narni-Amelia, da  Leonardo Latini, sindaco di Terni, da Maurizio Cecconelli, assessore alla Cultura, monisgnor Salvatore Ferdinandi vicario generale della Diocesi, e padre Johnson Perumittath parroco di San Valentino.

Da sempre vissuto come evento che rinsalda i legami storico-sociali e culturali della città, la festa del Santo patrono è in programma fino al 25 marzo con varie manifestazioni religiose, culturali, musicali, artistiche, sociali legate sul tema: "Mi prendo cura di te: la cura delle relazioni interpersonali, spirituali, socio-sanitarie e ambientali". Sabato 12 febbraio si svolgerà la celebrazione della festa della promessa dei fidanzati, presieduta da monsignor Francesco Antonio Soddu, alla quale parteciperanno circa 50 coppie di fidanzati, provenienti da varie parti d’Italia, che si sposeranno entro l’anno. Al termine sarà trasferita, in forma privata, l’urna con le reliquie di San Valentino dalla basilica di San Valentino in cattedrale, dove alle ore 21 si terrà l’incontro di preghiera dei giovani e le famiglie con il vescovo.

Domenica 13 febbraio alle ore 10 nella cattedrale di Terni sarà celebrata la festa diocesana di San Valentino, con il solenne pontificale presieduto per la prima volta dal vescovo Soddu. Durante il pontificale il sindaco Leonardo Latini accenderà la lampada votiva e pronunzierà l’atto di affidamento della città al Santo patrono. Terminato il pontificale, si terrà la processione cittadina per il rientro dell’urna del Santo nella basilica di San Valentino, che transiterà lungo le vie della città. "La figura di questo Santo è molto sentita nella città di Terni - ha sottolineato il vescovo Francesco Antonio Soddu - perchè è il suo patrono, ma non accade così in tutte le città. Questo Santo esce molto fuori le mura della città e si proietta in tutto il mondo".