Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bonus centri estivi, 14 mila famiglie attendono da sei mesi

  • a
  • a
  • a

Le 14 mila famiglie che hanno presentato domanda per il bonus centri estivi 2021 alla Regione Umbria dovranno ancora attendere per avere il contributo. Dal sito di Sviluppumbria, agenzia regionale con delega a gestire i fondi, si apprende che “per disporre la graduatoria di merito sulla base dei punteggi previsti dal bando all’art.9, la Regione Umbria ha richiesto integrazioni documentali ai soggetti richiedenti il contributo”. E si aggiunge: “Questa ultima fase dell’iter istruttorio dovrebbe concludersi nei primi giorni di febbraio 2022. successivamente la Regione predisporrà la graduatoria di merito che verrà pubblicata sui portali Regione Umbria e Sviluppumbria”.

 


Il bonus, da ricordare, prevede l’erogazione di un contributo a copertura dei costi sostenuti dalle famiglie per la partecipazione di bambini e ragazzi ai centri estivi 2021: è previsto un voucher da 70 euro a settimana per un massimo di 11 settimane per i bambini nati successivamente al 31 dicembre 2017 e di 50 euro a settimana per un massimo di 11 settimane per i bambini/ragazzi nati tra il primo gennaio 2005 ed il 31 dicembre 2017.

 


Il completamento della fase istruttoria comunicato in questi tempi e modi ha suscitato reazioni. In proposito si solleva la voce del Popolo della famiglia che con una nota a firma di Sara Reho stigmatizza “ad oggi le migliaia di famiglie che hanno presentato richiesta di accesso al contributo, non hanno ancora visto neanche un centesimo. Hanno, dunque, usufruito del servizio immaginando che avrebbero potuto contare su questa forma di ristoro, restando però con in mano un pugno di mosche”. E si aggiunge: “Fermo restando il plauso a questa forma di sostegno, che auspichiamo venga comunque confermato e – soprattutto – integrato con una legge regionale dedicata al supporto della famiglia e della genitorialità, riteniamo sia necessario immaginare una strategia diversa”. “Magari individuando prima la platea dei beneficiari e fornendo ai beneficiari già dall’inizio delle attività dei centri estivi un voucher che permetta di avere fin da subito la riduzione della tariffa - la nota conclude -, piuttosto che dover attendere mesi e mesi prima di ricevere il contributo”.